Contributo del 24% (31,72%) per i lavoratori parasubordinati

Entro oggi deve essere effettuato il versamento all’Inps – “Gestione separataex art. 2, comma 26, Legge n. 335/95, tramite il nuovo Modello “F24EP” (approvato con Provvedimento 3 giugno 2010, utilizzando i nuovi codici di cui alla Risoluzione n. 98/10), del contributo del 24% (31,72%) sui compensi comunque denominati, corrisposti nel mese precedente per prestazioni inerenti ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di cui all’art. 50, comma 1, lett. c-bis), del Tuir (art. 1, comma 770, Legge n. 296/06 e Circolare Inps n. 7/07, e art. 1, comma 79, Legge n. 247/07). La Legge n. 134/12, di conversione del Dl. n. 83/12, ha introdotto l’art. 46-bis, prevedendo una nuova progressione di aliquote che arriverà al 33% dal 2018, ma che il comma 491 delle Legge n. 147/13 (“Legge di stabilità 2014”), modificando l’art. 1, comma 79, della Legge n. 247/07, ha poi aumentato dal 22% al 23,5% per il 2015 e al 24% per il 2016 l’aliquota per i soggetti che risultino assicurati presso altre forme obbligatorie. L’art. 10-bis, del Dl. n. 192/14, ha disposto che per i lavoratori autonomi, titolari di posizione fiscale ai fini Iva iscritti alla “Gestione separata” e che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria né pensionati, l’aliquota contributiva è pari al 27% per l’anno 2015 (vedi Circolare Inps 11 marzo 2015, n. 58), aliquota confermata anche per l’anno 2017 dal comma 203 della Legge n. 208/15 (“Legge di stabilità 2016”).