Misurazione della distanza tra le farmacie

Misurazione della distanza tra le farmacie

Nella Sentenza n. 4853 del 13 luglio 2021 del Tar Campania, i Giudici affermano che nel sistema introdotto dalla riforma delle farmacie del 2012, il farmacista è essenzialmente libero di spostare la propria sede all’interno della zona astrattamente di pertinenza mentre i titolari di zone continue non hanno altra tutela se non il rispetto della distanza minima obbligatoria del rispetto dei 200 metri tra esercizi, da misurarsi per la via più breve tra soglia e soglia delle farmacie.  A tale ultimo riguardo, i Giudici precisano che, ai fini della misurazione della distanza tra le farmacie, il criterio del percorso pedonale più breve previsto dall’art. 1, della Legge n. 475/1968 si riferisce al percorso effettivamente percorribile a piedi da una persona normalmente deambulante in condizioni di sicurezza. Quindi, i Giudici rilevano che, alla stregua della normativa vigente, quale sia la classificazione del tratto di strada in questione, non può computarsi in tale percorso il tratto di strada non percorribile in sicurezza dai pedoni a causa del transito di auto ad alta velocità e dell’assenza di semafori e/o attraversamenti pedonali.


Related Articles

Processo tributario: equa riparazione

Nella Sentenza n. 4282 del 3 marzo 2015 della Corte di Cassazione, la disciplina dell’equa riparazione per mancato rispetto del

Lsu: assegnati nuovi contributi per la stabilizzazione

Con 2 Avvisi pubblicati entrambi il 12 giugno 2019 sul proprio sito web istituzionale, il Ministero del Lavoro e delle

Imposta di soggiorno: pubblicata la Nota Ifel in merito alla responsabilità dei Gestori delle strutture e all’obbligo dichiarativo

È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Ifel la Nota 28 novembre 2022, avente ad oggetto “Imposta di soggiorno: chiarimenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.