Mobilità interna e scorrimento delle graduatorie concorsuali

Mobilità interna e scorrimento delle graduatorie concorsuali

Nella Sentenza n. 515 dell’11 giugno 2019 del Tar Sardegna, i Giudici hanno affermato che la prevalenza delle procedure di mobilità emerge dalla disciplina dettata dall’art. 30, comma 2-bis, del Dlgs. n. 165/2001, secondo cui le Amministrazioni, “prima di procedere all’espletamento di procedure concorsuali, finalizzate alla copertura di posti vacanti in organico, devono attivare le procedure di mobilità di cui al comma 1, provvedendo, in via prioritaria, all’immissione in ruolo dei dipendenti, provenienti da altre amministrazioni, in posizione di comando o di fuori ruolo, appartenenti alla stessa area funzionale, che facciano domanda di trasferimento nei ruoli delle amministrazioni in cui prestano servizio”. Peraltro, tale disposizione esprime un Principio di carattere generale, fondato essenzialmente sulla preminente esigenza di conseguire il miglior impiego delle risorse pubbliche (quelle del personale dipendente e, di riflesso, quelle finanziarie). Inoltre, i Giudici aggiungono che la generalità del Principio non può non coinvolgere anche il caso della mobilità interna all’Amministrazione, soprattutto quando vi sia stata l’indizione di una specifica procedura di mobilità avente per oggetto posti della medesima qualifica e profilo professionale di quelli oggetto della impugnata determinazione dirigenziale. Ricorrono infatti le stesse esigenze di rispetto della ottimale distribuzione del personale pubblico e degli equilibri finanziari. Sotto questo profilo, i Giudici pongono in evidenza che la copertura del posto vacante mediante chiamata in mobilità di personale appartenente alla stessa qualifica e allo stesso profilo professionale implica anche minori costi per la formazione professionale, da sopportare quando si provveda alla assunzione da graduatorie concorsuali.


Related Articles

Mobilità per interscambio: possibile anche se l’Ente non ha rispettato i tempi medi di pagamento

 Corte dei conti Umbria, Delibera n. 147 del 12 novembre 2015 Nella fattispecie in esame, un Comune chiede se, pur essendo

Costi medi della manodopera inferiori alla Tabelle ministeriali: non comportano l’automatica esclusione dalla gara

Nella Delibera n. 504 del 5 giugno 2019 dell’Anac, la questione controversa ha ad oggetto l’esclusione illegittima di una Società

Illegittimità delle ordinanze del Sindaco che limitano la distribuzione di pubblicità

Nella Sentenza n. 3435 del 27 novembre 2015 del Tar Puglia, una Società operante nel Settore della distribuzione di materiale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.