Mobilità volontaria: occorre fare riferimento alle declaratorie contrattuali

Mobilità volontaria: occorre fare riferimento alle declaratorie contrattuali

Corte dei conti Lombardia, Delibera n. 317 del 5 ottobre 2015

Un Sindaco ha richiesto un parere con il quale ha domandato se sia possibile procedere all’assunzione di un addetto all’Ufficio Tributi, Categoria C1, ricorrendo alla mobilità volontaria tra Enti e non alla mobilità di personale dalle Province (Enti di area vasta), così come previsto dall’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14, considerato che la specifica figura professionale non sarebbe prevista nelle Province dato che le stesse non sarebbero competenti nella gestione dei tributi locali.

La Corte ricorda che la Sezione delle Autonomie con la Delibera n. 19/15 aveva

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Terzo Settore”: alcune risposte del Ministero del Lavoro a quesiti in materia di limiti retributivi e volontariato all’interno degli “ETS”

Con la Nota 27 febbraio 2020, pubblicata sul proprio sito istituzionale, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha

Ordinanza di assegnazione in pagamento di crediti: è titolo idoneo per consentire il riconoscimento di obbligazioni fuori bilancio

  Nella Delibera n. 105 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Liguria, un Comune ha chiesto un parere

“Fondo di solidarietà comunale”: il Viminale rende note le quote 2015 spettanti ai singoli Comuni

Il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha messo a disposizione dei Comuni sul proprio Portale istituzionale (all’indirizzo http://finanzalocale.interno.it/apps/floc.php/in/cod/25) i