Non c’è più l’obbligo del Pos per i pagamenti sotto 30 euro

Non c’è più l’obbligo del Pos per i pagamenti sotto 30 euro

(Adnkronos) – Non c’è solo l’incremento del tetto all’uso del contante a 5000 euro. L’orientamento ‘pro banconote’ del governo Meloni si concretizza anche in un’altra misura significativa: non sarà più obbligatorio l’uso del pos, quindi i pagamenti con bancomat o carte di credito, per le transazioni inferiori a 30 euro.
 

Cosa cambia? Molto. Se finora tantissimi commercianti, soprattutto i piccoli esercenti, dovevano ricorrere a scuse varie, disservizi di rete o dispositivo rotto le più gettonate, ora potranno semplicemente dire ‘no’ a chi vuole pagare con moneta digitale.  

La norma inserita in manovra prevede che il ministero delle Imprese e del Made in Italy decida entro 180 giorni, quindi entro giugno, i criteri di esclusione, al fine di garantire la proporzionalità della sanzione e di assicurare l’economicità delle transazioni in rapporto ai costi delle stesse. Lo stesso articolo dice che sono sospesi i procedimenti e i termini per l’adozione delle sanzioni.  

Quindi, niente più obbligo e niente più sanzioni. Anche se già prima di questo intervento legislativo, per far scattare la sanzione (30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione) era necessaria la denuncia del singolo utente. Un elemento, questo, che di fatto ha reso rarissime le multe fin da quando, era il 2012, il governo Monti introdusse l’obbligo di Pos per esercenti e professionisti. Il governo Draghi aveva stabilito in un primo momento che le sanzioni sarebbero diventate operative dal 1 gennaio 2023 e poi aveva anticipato al 30 giugno 2022.  

Ora si torna indietro, e si punta decisamente sul contante. Nonostante la distanza con il resto d’Europa sui pagamenti digitale sia già consistente.  


Related Articles

Taiwan denuncia Pechino: “Aerei da guerra nei nostri cieli”

Taiwan denuncia la Cina per aver inviato nel proprio spazio aereo 38 aerei da guerra, con quella che sarebbe la

Vauro difende Giletti: “Trattato come disertore”

(Adnkronos) – ”Giletti ha tutta la mia solidarietà. In questa campagna mediatica di arruolamento con la Nato e con Zelensky

WindTre, 5 milioni di multa da Antitrust per aumento giga a pagamento prepagate

(Adnkronos) – Windtre nel mirino dell’Antitrust che ha comminato al gestore telefonico una sanzione di 5 milioni di euro per

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.