Norme che stabiliscono i criteri e le modalità di affidamento delle concessioni demaniali marittime: competenza esclusiva statale

Norme che stabiliscono i criteri e le modalità di affidamento delle concessioni demaniali marittime: competenza esclusiva statale

Nella Sentenza n. 222 del 23 ottobre 2020 della Corte Costituzionale, la questione controversa in esame riguarda la legittimità costituzionale dell’art. 54, commi 2, 3, 4 e 5, della Legge della Regione Veneto n. 33/2002 (“Testo unico delle leggi regionali in materia di Turismo”), in riferimento all’art. 117, comma 2, lett. e) ed l), della Costituzione. Le norme censurate, nel disciplinare le modalità di svolgimento della procedura comparativa per il rilascio delle concessioni per l’uso del demanio marittimo a finalità turistico-ricreativa, tra cui gli Stabilimenti balneari, prevedono il pagamento di un indennizzo in favore del gestore uscente quale condizione per l’aggiudicazione della concessione al subentrante, a pena di esclusione. Inoltre, determinano l’ammontare del relativo importo in misura pari al 90% del valore dell’Azienda del gestore uscente, come asseverato sulla base di una Perizia giurata da inserire fra gli atti dell’avviso di gara.

I Giudici chiariscono che le norme che stabiliscono i criteri e le modalità di affidamento delle concessioni demaniali marittime sono riconducibili alla competenza esclusiva statale di cui all’art. 117, comma 2, lett. e), della Costituzione, ed “in siffatta competenza esclusiva, le pur concorrenti competenze regionali trovano così un limite insuperabile”. Il fatto, poi, che la stessa normativa dell’Unione Europea consenta ai Legislatori nazionali di adottare garanzie per l’ammortamento degli investimenti effettuati dal gestore uscente non permette, in sé solo, alle Regioni di alterare le modalità con cui il Legislatore statale, nell’ambito della sua competenza esclusiva, ha inteso dare attuazione a detta prerogativa; né alla Regione è consentito di intervenire quando il Legislatore non si sia avvalso di questa possibilità, tenuto conto che, ai fini di tale attuazione, assume rilievo il riparto costituzionale delle competenze.


Related Articles

Accertamento antielusivo: richiesta chiarimenti al contribuente non può essere sostituita da dichiarazioni rese in sede di verifica

Con la Sentenza n. 693 del 16 gennaio 2015, la Corte di Cassazione ha esaminato un ricorso presentato dall’Agenzia delle

“Parchi per Kyoto in Comune”: siglato un Protocollo d’intesa per la promozione delle aree verdi urbane

  Anci e “Comitato Parchi per Kyoto” (Onlus fondata da Federparchi, Kyoto Club e Legambiente) hanno siglato il 16 giugno

“Spending review”: no all’erogazione di somme per sponsorizzare una squadra, anche se pattuite per valorizzare l’immagine dell’Ente

Tar Sardegna, Sentenza n. 1023 del 23 settembre 2015 Nella controversia in questione, una Società calcistica stipula con un’Agenzia regionale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.