“Orti urbani”: è corretto registrare come attività istituzionale gli introiti derivanti dai contributi degli anziani?

“Orti urbani”: è corretto registrare come attività istituzionale gli introiti derivanti dai contributi degli anziani?

Il testo del quesito:

Il ns. Comune cede in uso ad una trentina di anziani residenti sul territorio un appezzamento di terreno da adibire a orti, dietro riconoscimento dell’importo annuo di Euro 85,00 ciascuno, per un totale complessivo di Euro 1.700,00 circa. Questo terreno non è di ns. proprietà, ma viene preso in uso da un agricoltore al costo di Euro 3.000,00. Non c’è alcuna detrazione di Iva.

Abbiamo rilevato come entrata afferente l’attività istituzionale gli introiti percepiti da parte degli anziani. E’ corretto?

 

La risposta dei ns. esperti.

Non trattandosi di sponsorizzazioni e nemmeno di gestione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contributi alle Imprese per fronteggiare l’emergenza “Covid-19”: nessun assoggettamento a ritenuta in base alle nuove disposizioni

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 46 del 19 gennaio 2020, ha ricordato che l’art. 10-bis,

“Fondo crediti di dubbia esigibilità”: i chiarimenti della Corte Lombardia

Nella Delibera n. 145 del 17 aprile 2019 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sulla costituzione del

Cronistoria sullo stato dell’arte del “Pnrr” da inviare alla Commissione europea entro il prossimo 30 aprile

Introduzione Ormai siamo vicini alla scadenza per l’obbligatoria presentazione al Parlamento italiano della definitiva versione del “Pnrr” che, dopo le