Patto di stabilità interno 2015: aggiornato il prospetto degli obiettivi per i Comuni che gestiscono servizi in forma associata

Patto di stabilità interno 2015: aggiornato il prospetto degli obiettivi per i Comuni che gestiscono servizi in forma associata

 

Sono stati rimodulati gli obiettivi 2015-2018 del Patto di stabilità per i Comuni che gestiscono servizi in forma associata. A renderlo noto, con il Comunicato 16 luglio 2015, è il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.

Il Prospetto degli obiettivi è stato aggiornato in applicazione dell’art. 31, commi 6-bis e 6-ter, della Legge n. 183/11 (“Legge di stabilità 2012”), che prevedono la riduzione degli obiettivi dei Comuni associati capofila e il corrispondente aumento degli obiettivi dei Comuni associati non capofila, sulla base di un accordo tra i Comuni interessati e fermo restando l’obiettivo finanziario complessivamente attribuito agli Enti che sottoscrivono l’accordo.

La rimodulazione dell’obiettivo trova evidenza nella “Fase 4” del Modello di calcolo degli obiettivi programmatici “OB/15/C”, presente nell’applicativo web dedicato al Patto di stabilità interno http://pattostabilitainterno.tesoro.it/Patto/.


Tags assigned to this article:
associazionismocapofilacomunipatto

Related Articles

Violazione “Patto di stabilità”: condanna di un Sindaco e del Responsabile del “Servizio finanziario”

Corte dei conti, Sezione Seconda giurisdizionale centrale d’Appello, Sentenza n. 315 del 24 agosto 2021 di Antonio Tirelli Oggetto: Condanna

“Pareggio di bilancio”: rese note le sanzioni per le violazioni relative all’anno 2016, individuate a seguito di accertamento successivo

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 17 aprile 2020 ha reso noto il testo