Patto di stabilità: prorogato il termine per chiedere la rimodulazione degli obiettivi per gli Enti capofila

Patto di stabilità: prorogato il termine per chiedere la rimodulazione degli obiettivi per gli Enti capofila

 

Con la Nota 1º luglio 2015, l’Ifel ha informato dell’avvenuta proroga all’8 luglio 2015 del termine per la trasmissione delle istanze di cui all’art. 31, comma 6-ter, della Legge n. 183/11, inizialmente previsto per il 30 giugno 2015.

Ricordiamo che tale comma prevede che entro il 15 luglio 2015 gli Enti interessati comunichino all’Anci, sulla base delle istanze trasmesse entro il 30 giugno (8 luglio alla luce del differimento), la richiesta di rimodulazione degli obiettivi del Patto di stabilità interno in ragione di contributi o trasferimenti concessi da soggetti terzi e gestiti direttamente dal Comune capofila, esclusa la quota da questo eventualmente trasferita ai propri Comuni associati.

La Nota ricorda come le istanze vengano raccolte da Ifel attraverso la compilazione di una maschera, con autenticazione nell’Area riservata sul portale Ifel (http://www.fondazioneifel.it/areariservata/dati-comune; voce menu “Obiettivo patto di stabilità 2015 – Rimodulazione Enti capofila”).

I Comuni potranno accedere utilizzando le credenziali già in loro possesso e, laddove le avessero smarrite, possono richiederle scrivendo a uno di questi indirizzi mail: info@fondazioneifel.it o indagini@fondazioneifel.it.

Il Comune capofila deve comunicare gli obiettivi finanziari rimodulati dei Comuni associati non capofila (in aumento) ed il proprio (in riduzione), sulla base di un accordo tra i Comuni e non intaccando l’obiettivo finanziario complessivamente attribuito agli Enti coinvolti.

Il Comune capofila dovrà allegare l’accordo firmato da tutti i Comuni interessati dalla rimodulazione, dove si attesta il consenso alla variazione operata, sottoscritto dal Sindaco e dal Responsabile finanziario.

L’Ifel ha messo a disposizione, nell’Area riservata del citato Portale, un Modello per la stesura di questo accordo.


Related Articles

Aspettativa per avvio di attività professionali e imprenditoriali: esclusa la possibilità di contemporaneo rapporto di lavoro subordinato con privati

Il Dipartimento della Funzione pubblica, con il Parere Prot. Dfp-0019365-P-24/03/2021, ha chiarito che il dipendente pubblico non può svolgere contemporaneamente

Pubblico impiego: il “Vademecum” Inps su certificato di malattia telematico e visite di controllo

L’Inps ha diramato nei giorni scorsi sul proprio Portale istituzionale un “Vademecum” sulle certificazioni di malattia e le visite mediche

“Telefisco 2017”: tra i vari chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate alcuni – ormai già noti – riguardano anche gli Enti Locali

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Normativa, con la Circolare n. 8/E del 7 aprile 2016, ha fornito chiarimenti in