Peculato: è sufficiente la disponibilità giuridica o di fatto del denaro o dei beni oggetto di appropriazione

Peculato: è sufficiente la disponibilità giuridica o di fatto del denaro o dei beni oggetto di appropriazione

Nella Sentenza n. 18485 del 17 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno respinto il ricorso di un funzionario pubblico precisando che, in tema di peculato, la nozione di possesso di danaro deve intendersi come comprensiva, non solo della detenzione materiale della cosa, ma anche della sua disponibilità giuridica, nel senso che il soggetto agente deve essere in grado, mediante un atto dispositivo di sua competenza o connesso a prassi e consuetudini invalse nell’ufficio, di inserirsi nel maneggio o nella disponibilità del danaro e di conseguire quanto poi costituisca oggetto di appropriazione. Ne consegue che l’inversione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Condanna di un Dirigente comunale per aver omesso la riscossione del “contributo di costruzione” relativo ad una Residenza per anziani

Corte dei conti Sezione Terza Giurisdizionale Centrale d’Appello Sentenza n. 334 del 6 settembre 2018 Oggetto Condanna Dirigente “Attività produttive”

Welfare voucher: molti non concorrono a formare il reddito e il momento impositivo Iva dipende dal fatto che siano monouso o multiuso

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 338 del 10 settembre 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

“Decreto Enti Locali”: il Governo valuterà correttivi in materia di Polizia provinciale e Centri per l’impiego

“È indiscutibile che servano correzioni importanti a cui si potrà procedere sia per via parlamentare che nella prossima ‘Legge di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.