Pensioni: sono utili per il calcolo dell’anzianità contributiva anche i periodi nei quali i dipendenti “part-time” non lavorano

Pensioni: sono utili per il calcolo dell’anzianità contributiva anche i periodi nei quali i dipendenti “part-time” non lavorano

Il Tribunale di Padova, quale Giudice del Lavoro, con la Sentenza 5 luglio 2016, n. 473 – in coerenza con quanto statuito dalla Cassazione con le Sentenze n. 2467/15 e 8565/16 – ha dato ragione ad alcuni lavoratori part-time che lamentavano il mancato accreditamento da parte dell’Inps del riconoscimento dei contributi ai fini pensionistici anche per i periodi in cui non svolgevano la propria prestazione lavorativa.

Secondo il Giudice veneto, devono essere considerati utili per il calcolo dell’anzianità contributiva per la pensione anche i periodi nei quali i dipendenti a part-time non lavorano. Infatti, una loro esclusione è legittima solo qualora esista una ragione obiettiva, mentre la non contabilizzazione è illegittima, in quanto vìola la normativa comunitaria sul part-time, e soprattutto il principio di discriminazione dei lavoratori che riducono l’orario.

Nel caso di specie, i dipendenti erano titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato a part-time verticale con distribuzione del proprio orario di lavoro su base annua con 9 mesi di lavoro a orario pieno, mentre per 3 mesi non prestavano alcuna prestazione lavorativa per i quali l’Inps non riconosceva alcun contributo ai fini pensionistici, producendo un “vuoto” che era rilevante per la pensione.

Il Tribunale di Padova, oltre a richiamare le Sentenze della Corte di Cassazione sopra citate, si è rifatto anche alla giurisprudenza comunitaria che, con la Sentenza 10 giugno 2010, n. 395, aveva chiarito che, per quanto riguarda le pensioni, non è legittima una disparità di trattamento tra lavoratori a tempo pieno e quelli a part-time.

A livello comunitario, il sistema contributivo e pensionistico è disciplinato dalla Direttiva n. 97/81, in virtù della quale l’anzianità contributiva per l’acquisizione del diritto alla pensione, per i lavoratori a part-time, deve essere calcolata sull’intero orario di lavoro come se il dipendente fosse a tempo pieno e, quindi, anche tenendo conto dell’orario non utilizzato ai fini prestazionali.

L’unica situazione in cui i periodi non lavorativi non sono da considerare ai fini pensionistici si ha quando la prestazione lavorativa sia stata interrotta o sospesa per un impedimento, mentre se l’impiego è continuativo, non può esserci interruzione nell’anzianità contributiva.

Infatti, nel part-time verticale ciclico, i periodi non lavorati sono una normale modalità di esecuzione del contratto e non sono, né un’interruzione, né una sospensione del rapporto di lavoro.

di Stefano Paoli


Related Articles

Servizio civile universale: pubblicate le nuove disposizioni per Enti e operatori volontari

È stato pubblicato sulla G.U. n. 47 del 25 febbraio 2019 il Comunicato della Presidenza del Consiglio-Dipartimento della Gioventù e

Personale P.A.: dalla Funzione pubblica nuovi chiarimenti su limiti alle retribuzioni e ai trattamenti pensionistici

Il Dipartimento della Funzione pubblica, con la Circolare n. 3 dello scorso 18 marzo, ha fornito indicazioni e chiarimenti relativi

Indagine su nomina di una Dirigente comunale: illegittima la mancata risposta alla richiesta di accesso agli atti della dipendente in questione

Nella Sentenza n. 1409 del 22 giugno 2017 del Tar Lombardia, una ex dipendente comunale ha proposto ricorso contro la