Personale: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare 2016-2017

Personale: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare 2016-2017

E’ stata pubblicata la Circolare Inps 27 maggio 2016, n. 92, avente ad oggetto “Corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare. Nuovi livelli reddituali per il periodo 1° luglio 2016-30 giugno 2017”.

Con la Circolare in oggetto è reso noto che sono stati rivalutati i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare. Come stabilito dalla Legge n. 153/88, i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare vengono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’Istat, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.

La Circolare chiarisce che, secondo i dati Istat, tra l’anno 2014 e l’anno 2015, la variazione percentuale dell’Indice dei prezzi al consumo è risultata pari a – 0,1%. Posto che la percentuale di adeguamento delle prestazioni previdenziali e assistenziali e i parametri ad esse connessi non può mai essere inferiore a zero, i livelli di reddito in vigore per il periodo 1° luglio 2016–30 giugno 2017 restano invariati rispetto a quelli dell’anno precedente.

Alla Circolare in questione sono state allegate le Tabelle contenenti i nuovi citati livelli reddituali, nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione, da applicare dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017, alle diverse tipologie di nuclei familiari. Gli stessi livelli di reddito dovranno applicarsi per determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione.


Related Articles

Incidentalità stradale causata da alcol e droga: pubblicato un Avviso per finanziare Progetti di prevenzione e contrasto

Un Avviso rivolto ai Comuni capoluogo di Regione, di Provincia e Provincia autonoma per sostenere Progetti sperimentali finalizzati alla promozione, al coordinamento e

Durc: non permesse regolarizzazioni della posizione previdenziale postume alla gara d’appalto

Nella Sentenza n. 4801 del 18 novembre 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che non sono consentite regolarizzazioni

“Art-bonus”: ammissibili i contributi destinati alla manutenzione di una villa cinquecentesca di proprietà comunale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 262 del 17 luglio 2019, ha fornito ulteriori chiarimenti in