Personale: in caso di licenziamento orale l’onere della prova spetta al lavoratore

Personale: in caso di licenziamento orale l’onere della prova spetta al lavoratore

La Sentenza n. 22542 del 23 ottobre 2014 della Corte di Cassazione, statuisce che grava sul lavoratore l’onere di provare l’avvenuta estromissione orale dal posto di lavoro. Infatti, si legge nella Sentenza che, “qualora il lavoratore deduca di essere stato licenziato oralmente e faccia valere in giudizio la inefficacia o invalidità di tale licenziamento, mentre il datore di lavoro deduca la sussistenza di dimissioni del lavoratore, il materiale probatorio deve essere raccolto, da parte del Giudice di merito, tenendo conto che, nel quadro della normativa limitativa dei licenziamenti, la prova gravante sul lavoratore è limitata alla sua estromissione dal rapporto, mentre la controdeduzione del datore di lavoro assume la valenza di un’eccezione in senso stretto, il cui onere probatorio ricade sull’eccipiente ai sensi dell’art. 2697, comma 2, del Cc. pone a carico del lavoratore l’onere della dimostrazione della sua estromissione”.


Tags assigned to this article:
cassazionelicenziamentoonereprova

Related Articles

Aree degradate e “permesso di costruire”

Nella Sentenza n. 1028 del 18 settembre 2018 del Tar Piemonte, la questione controversa in esame riguarda i presupposti per

Utilizzo di graduatorie per assunzioni a tempo determinato e indeterminato

Nella Delibera n. 89 del 3 ottobre 2019 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto se alla luce

Elezioni: per l’Interno le risorse per gli straordinari dei dipendenti possono essere trovate solo nell’apposito Fondo previsto dal Ccnl.

Per il lavoro straordinario che i dipendenti pubblici svolgeranno in occasione delle prossime Elezioni amministrative, i Comuni non avranno risorse