Personale: in caso di licenziamento orale l’onere della prova spetta al lavoratore

Personale: in caso di licenziamento orale l’onere della prova spetta al lavoratore

La Sentenza n. 22542 del 23 ottobre 2014 della Corte di Cassazione, statuisce che grava sul lavoratore l’onere di provare l’avvenuta estromissione orale dal posto di lavoro. Infatti, si legge nella Sentenza che, “qualora il lavoratore deduca di essere stato licenziato oralmente e faccia valere in giudizio la inefficacia o invalidità di tale licenziamento, mentre il datore di lavoro deduca la sussistenza di dimissioni del lavoratore, il materiale probatorio deve essere raccolto, da parte del Giudice di merito, tenendo conto che, nel quadro della normativa limitativa dei licenziamenti, la prova gravante sul lavoratore è limitata alla sua estromissione dal rapporto, mentre la controdeduzione del datore di lavoro assume la valenza di un’eccezione in senso stretto, il cui onere probatorio ricade sull’eccipiente ai sensi dell’art. 2697, comma 2, del Cc. pone a carico del lavoratore l’onere della dimostrazione della sua estromissione”.


Tags assigned to this article:
cassazionelicenziamentoonereprova

Related Articles

Unioni montane: il Comune deve sommare la propria spesa di personale alla quota-parte di quella per i dipendenti dell’Unione

Nella Delibera n. 133 del 9 novembre 2016 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere in ordine

“Soccorso istruttorio”: attivabile in caso di omessa dichiarazione dei reati ostativi

Nella Sentenza n. 2242 del 5 aprile 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che l’omessa presentazione in gara

Imposta di bollo: continua il percorso di digitalizzazione con il Servizio “@e.bollo”

Con il Comunicato-stampa 14 aprile 2017, l’Agenzia delle Entrate ha anticipato che, per il pagamento della marca da bollo sui