Personale P.A.: la Funzione pubblica invita le Amministrazioni ad adottare strategie volte a favorire l’allattamento

Personale P.A.: la Funzione pubblica invita le Amministrazioni ad adottare strategie volte a favorire l’allattamento

Il Dipartimento della Funzione pubblica – Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha emanato una Direttiva datata 3 febbraio 2017 e pubblicata sulla G.U. n. 55 del 7 marzo 2017, rubricata “Comportamenti e atti delle Pubbliche Amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 ostativi all’allattamento”.

Con questo Documento, il Dipartimento richiama l’attenzione delle P.A. e dei singoli dipendenti nella propria attività di erogazione dei servizi alla collettività, sulla necessità di “assumere azioni positive, comportamenti collaborativi o comunque di non adottare atti che ostacolino le esigenze di allattamento”.

La Direttiva prende le mosse dalla Direttiva 2006/141/Ce della Commissione 22 dicembre 2006, che richiama il principio della promozione ed ella protezione dell’allattamento al seno e la necessità di non scoraggiare questa pratica in ragione dei benefici ad essa correlata, sia con riferimento alla salute dei neonati che a quella delle madri.

I vertici delle Amministrazioni sono pertanto invitati ad adoperarsi per prevenire comportamenti o atti in contrasto con le suddette finalità, anche nell’ambito di Organismi controllati.


Related Articles

L’Inps mette online il simulatore per il calcolo Isee: come funziona

L’innovativo metodo per calcolare online l’Isee, ovvero l’Indicatore della situazione economica equivalente, è già funzionante dal 3 febbraio 2017 sul

Amministrazione di Ente di diritto privato in controllo pubblico: ecco le richieste avanzate da Anac al Governo

Il Consiglio dell’Anac ha approvato il 18 gennaio 2017 un Atto di segnalazione (n. 1/2017) con cui chiede un intervento

Difetto di sottoscrizione: non porta alla nullità

Nell’Ordinanza n. 1545 del 22 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda il difetto di sottoscrizione da