“Piano casa”: nella Legge di conversione novità in materia di Imu sugli immobili posseduti da cittadini residenti all’estero

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 121 del 27 maggio 2014 la Legge 23 maggio 2014, n. 80, di conversione con modificazione del Dl. 28 marzo 2014, n. 47, recante “Misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015” (c.d. “Piano casa”).
La norma tenta di arginare il disagio abitativo attraverso una serie di disposizioni, come le agevolazioni concesse alle Imprese che danno in locazione alloggi sociali e agli inquilini che decidano, dopo almeno 7 anni dalla stipula del contratto, di riscattare l’alloggio sociale che era stato loro assegnato.
Tra le misure piú significative introdotte dal Decreto, cosí come modificato in sede di conversione, segnaliamo:
l’introduzione, per il triennio 2014-16, di detrazioni fiscali Irpef rivolte ai conduttori di alloggi sociali con reddito inferiore a 30.987,41 Euro;
la riduzione dei vincoli previsti per l’accesso al “Bonus mobili” (la spesa per l’acquisto di mobili su cui sono previste detrazioni Irpef puó ora essere superiore a quella per la ristrutturazione, con un tetto massimo di 10.000 Euro);
l’intensificazione della lotta all’abusivismo, con l’introduzione dello stop ad allacci di acqua, gas, luce e telefono in assenza dei dati identificativi del richiedente e del titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell’unità immobiliare;
la riduzione dal 15 al 10%, per il quadriennio 2014-2017, dell’aliquota della “cedolare secca” per contratti a canone concordato.
Segnaliamo poi che, all’art. 3, si preannuncia l’emanazione – entro il 30 giugno 2014 – di un Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministro dell’Economia e delle Finanze e del Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, con il quale saranno approvate le procedure di alienazione degli immobili di proprietá dei Comuni, degli Enti pubblici anche territoriali e degli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, anche in deroga alle disposizioni procedurali previste dalla Legge n. 560/93. “Le risorse derivanti dalle alienazioni devono essere destinate esclusivamente a un programma straordinario di realizzazione o di acquisto di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica e di manutenzione straordinaria del patrimonio esistente”.
Procediamo ora all’analisi delle novità introdotte dall’art. 9-bis in materia di Imu.
Art. 9-bis – Imu per immobili posseduti da cittadini residenti all’estero
Il comma 1 dell’art. 9-bisin commento ha apportato una duplice modifica all’art. 13, comma 2, del Dl. n. 201/11. La prima parte del comma ha soppresso l’equiparazione ad abitazione principale dell’unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti, qualora quest’ultima non risulti locata; la seconda parte ha introdotto, a decorrere dall’anno 2015, l’equiparazione ad abitazione principale dell’unità immobiliare possedutaa titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, dai cittadini italiani iscritti all’Aire e pensionati nei Paese di residenza, a condizione che l’immobile non risulti locato o dato in comodato d’uso.
Il comma 2 ha disposto che, sui fabbricati di cui al comma 1, la Tari e la Tasi sono applicati in misura ridotta di 2/3, per ciascun anno.
Il comma 3 ha previsto la copertura delle minori entrate dei Comuni, derivanti dalle disposizioni di cui all’art. 9-bisin commento e quantificate in Euro 2 milioni annui, mediante la corrispondente riduzione del Fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2014-2016, nell’ambito del programma “Fondi di riserva e speciali”, della missione “Fondi da ripartire”, dello stato di previsione del Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’anno 2014.


Tags assigned to this article:
esteroimmobiliImupiano casa

Related Articles

“Servizi Demografici”: formule per redazione atti di Stato civile in tedesco

La Direzione centrale per i Servizi Demografici del Ministero dell’Interno ha pubblicato sul proprio sito il Decreto 23 gennaio 2015

Dichiarazioni anno 2014: in leggero aumento il reddito complessivo totale ma cala il numero dei contribuenti

Diminuzione dello 0,7% del numero totale dei contribuenti, in particolar modo di età compresa tra 24 e 44 anni (-3%)

Contratti pubblici: in assenza di forma scritta e impegno di spesa, il rapporto obbligatorio intercorre tra privato e Funzionario

Nella Sentenza n. 2673 del 14 luglio 2016 del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, l’oggetto della controversia riguarda il

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.