“Piano di razionalizzazione partecipazioni”: la pubblicazione sul sito di una versione incompleta non configura “colpa grave”

“Piano di razionalizzazione partecipazioni”: la pubblicazione sul sito di una versione incompleta non configura “colpa grave”

Nella Sentenza n. 5 del 12 gennaio 2018 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa riguarda la Legge n. 190/14 con cui è stato previsto l’obbligo di procedere ad una complessiva revisione e riduzione delle partecipazioni nelle Società per una serie di Amministrazioni pubbliche, tra cui gli Enti Locali, mediante l’approvazione di un “Piano di razionalizzazione delle partecipazioni”.

In sostanza, oggetto della controversia è la pubblicazione di un “Piano incompleto”, che avrebbe determinato un danno all’immagine dell’Amministrazione in base alle regole fissate dall’art. 46, comma 1, del Dlgs. n. 33/13, il quale prevede che l’inadempimento degli obblighi di pubblicazione previsti dalla normativa costituisce elemento di valutazione della responsabilità dirigenziale, oltre a essere appunto eventuale causa di responsabilità per danno all’immagine.

La Sezione nega la sanzione sulla base di una distinzione fra un “Piano” non pubblicato e un “Piano” incompleto. Solo nel primo caso si potrebbe far scattare il meccanismo previsto dalle regole Anticorruzione, mentre un documento parziale, dove non si intercettano alcune delle partecipazioni che pure dovrebbero essere oggetto di razionalizzazione, non configura la “colpa grave” che deve essere alla base di una condanna erariale.

Dunque, la pubblicazione di un “Piano” incompleto non produce in automatico una responsabilità erariale in capo all’Ente Locale.


Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche e Centrale unica di committenza: condizioni per l’erogazione

Nella Delibera n. 37 del 20 marzo 2020 della Corte dei conti Lombardia, il Sindaco di un Ente capofila della

“Covid-19”: il Governo estende al 13 aprile 2020 le misure volte al contrasto dell’emergenza “Coronavirus”

È stato pubblicato nella G.U. n. 88 del 2 aprile 2020 il Dpcm. 1° aprile 2020, rubricato “Disposizioni attuative del

Servizi Demografici: nuove indicazioni in merito all’accessibilità dei Servizi “Anpr”, “Ina” e “Cie”

Con un Avviso pubblicato il 26 marzo 2019 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi Demografici,