“Piano triennale per l’Informatica nella P.A.”: pubblicato l’aggiornamento 2021-2023

“Piano triennale per l’Informatica nella P.A.”: pubblicato l’aggiornamento 2021-2023

Sul sito di Agid, il 10 dicembre 2021 è stato pubblicato l’aggiornamento 2021-2023 del “Piano triennale per l’Informatica nella P.A.”, redatto in collaborazione con il Dipartimento per la Trasformazione digitale e PagoPA S.p.A. e con il contributo di alcune Amministrazioni centrali, Regioni e Città metropolitane.

Il “Piano” presenta novità legate all’attuazione del “Pnrr” e alla vigilanza sugli obblighi di Trasformazione digitale prevista dall’art.18-bis del “Cad”.

Il “Piano”, che sarà adottato con successivo Decreto, introduce alcuni elementi di novità, tra i quali:

– la previsione di Obiettivi e Risultati attesi connessi all’attuazione del “Pnrr” al quale il “Piano triennale” si collega attraverso specifici Progetti, come il Single Digital Gateway (Sdg) e la “Piattaforma nazionale dati” (“Pdnf”). In particolare, il “Piano” vuol essere uno strumento a supporto delle Amministrazioni centrali e locali nel conseguimento dei Traguardi e degli Obiettivi previsti dal “Pnrr”.

– l’attenzione al tema della vigilanza, ponendosi come ponte verso l’adozione di un nuovo Modello di vigilanza attiva e collaborativa coerente con il nuovo mandato istituzionale di Agid in materia di accertamento delle violazioni e sanzionatorio.

All’interno di ciascun capitolo del “Piano”, vengono indicate le linee di azione in capo ai diversi attori istituzionali che sono state concluse.

Inoltre, nel Capitolo 9 è presente uno schema che sintetizza i cambiamenti introdotti a livello di Risultati attesi e Target per ciascun Obiettivo.

Sarà disponibile a breve online un report contenente informazioni sullo stato di attuazione e sugli output delle Linee del “Piano triennale 2020-2022” e il loro riallineamento nella nuova edizione.

Sul sito di Agid è possibile consultare il “Piano triennale per l’informatica nella PA – Aggiornamento 2021-2023”.


Related Articles

“Pnrr”: assegnati agli Enti Locali 3,2 miliardi per Infrastrutture idriche, sviluppo Zes e Piste ciclabili urbane e turistiche

Con una Comunicazione pubblicata sul proprio sito istituzionale il 2 dicembre 2021, il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili

Italia fanalino di coda Ue per digitalizzazione: le infrastrutture ci sono ma le competenze latitano

SOLO UN ITALIANO SU TRE USA SERVIZI PUBBLICI ONLINE, L’EFFETTO COVID PUÒ CAMBIARE LO SCENARIO? DOSSIER A CURA DI CENTRO

“Recovery Fund” e territori: le regole di ingaggio per i Comuni al centro del primo Tavolo tecnico del Progetto “Next Generation EU–EuroPA Comune”

Semplificazione amministrativa per accorciare i tempi di intercettazione delle risorse da parte dei Comuni e aumentare la capacità di spesa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.