Piccoli Comuni: via libera della Camera alla norma che punta a rilanciare gli Enti con meno di 5.000 abitanti

Piccoli Comuni: via libera della Camera alla norma che punta a rilanciare gli Enti con meno di 5.000 abitanti

Con 438 sì, la Camera ha approvato all’unanimità il 28 settembre 2016 il Ddl. che stanzia 100 milioni di Euro per il rilancio dei piccoli Comuni nell’intento di salvarli dall’abbandono e preservare il patrimonio dei borghi italiani.

Il Ddl. “S. 899”, rubricato “Disposizioni per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni e la riqualificazione delle aree rurali e montane italiane”, passa ora all’esame del Senato.

Il Provvedimento si propone di innescare una sorta di “controesodo” verso i 5.585 Comuni con meno di 5.000 abitanti, che costituiscono il 70% del totale delle Amministrazioni comunali italiane, in maniera tale da impedirne l’estinzione.

Massimo Castelli, Coordinatore nazionale piccoli Comuni Anci, ha espresso pieno apprezzamento per l’approvazione di questa Proposta di legge da parte della Camera.

E’ una Legge importante – ha detto Castelli – perché fissa il principio basilare che i piccoli Comuni hanno bisogno di politiche differenziate e di sostegno. Il che per noi vuol dire fiscalità differenziata, semplificazioni ed agevolazioni per consentire alle piccole comunità di sopravvivere e dare proprio contributo al sistema Paese”.

Come ricordato dal Coordinatore Anci, i piccoli Comuni amministrano il 52% del territorio nazionale ma ospitano circa 1/6 della popolazione nazionale; è alto dunque il rischio che questi Enti vadano incontro a “desertificazione e marginalità”.

La Legge – si legge in un Comunicato Anci – fissa dei principi importantissimi dal punto di vista politico, ma nell’articolato si può modificare qualcosa in particolare sul tema della fiscalità differenziata, che riteniamo lo strumento principe con cui favorire il controesodo verso le aree interne, proprio dove si trovano il maggior numero di piccoli Comuni. E’ un po’ come una legge quadro, ora ci vogliono politiche mirate per i piccoli Comuni”.


Related Articles

Accesso ai documenti in fase esecutiva: va escluso se finalizzato ad un controllo generalizzato sull’attività dell’aggiudicatario

Nella Sentenza n. 577 del 17 aprile 2019 del Tar Toscana, i Giudici rilevano che nei rapporti tra “accesso ai

Responsabilità amministrativa: condanna di Dirigenti comunali per il mancato riconoscimento del debito derivante da un sinistro stradale

Oggetto Condanna Dirigenti comunali per il mancato riconoscimento del debito derivante da un sinistro stradale: conferma Sentenza territoriale per la

Partecipate pubbliche: sono oltre 1.700 gli Enti che non hanno inviato nei tempi il “Piano di razionalizzazione”

Sono oltre 1.700, pari al 17% del totale,gli Enti che non hanno trasmesso al Mef il proprio “Piano di razionalizzazione”