Pil italiano: l’Istat stima un aumento pari all’1,1 % per il 2016

Pil italiano: l’Istat stima un aumento pari all’1,1 % per il 2016

Aumento del Pil dell’1,1% in termini reali, ripresa degli investimenti (+2,7%) e miglioramenti sul fronte occupazionale (+0,8%): sono le stime elaborate dall’Istat per il 2016.
Non certo il preludio di un nuovo miracolo italiano ma una serie di indicatori con il segno “più” che comunque fanno sperare che quanto meno non si assisterà a nuovi fenomeni recessivi.

Secondo l’Istituto nazionale di statistica, a fare da traino del Pil sarà soprattutto la domanda interna (che ne spingerà la crescita per 1,3 punti percentuali). Le previsioni sull’andamento delle esportazioni e sulla variazione delle scorte fanno però presumere una contrazione che porterebbe a un risultato finale pari appunto all’1,1%.
La spesa delle famiglie in termini reali è stimata in aumento dell’1,4%, alimentata dall’incremento del reddito disponibile e dal miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro.

Gli investimenti secondo l’Istat cresceranno del 2,7%, beneficiando del rafforzamento delle attese sulla crescita dell’economia e del miglioramento delle condizioni del mercato del credito.
Quanto all’occupazione, l’Istat ha previsto un consolidamento dei recenti progressi (+0,8% in termini di unità di lavoro) e una conseguente riduzione del tasso di disoccupazione, che sarebbe destinato ad attestarsi intorno all’11,3%.


Related Articles

Iva: le Carrozzerie devono applicare lo “split payment” sulle fatture emesse alle P.A., anche se vengono pagate dalle Compagnie assicurative

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 474 del 15 luglio 2021, ha fornito precisazioni in ordine all’eventuale esonero da

Siglato un accordo tra Anci e Coni per la promozione della pratica sportiva

Con un Comunicato del 29 ottobre 2014, l’Anci ha reso nota l’avvenuta firma di un Protocollo d’intesa, siglato dall’Associazione dei

Lavoratori fragili: tutela emergenziale “dimezzata”

I lavoratori fragili potranno lavorare in modalità “agile” fino al 28 febbraio 2022 ma non potranno più godere dell’assenza riconducibile