Posta elettronica governativa verso la dismissione: il flop del progetto varato da Brunetta

Posta elettronica governativa verso la dismissione: il flop del progetto varato da Brunetta

Era stata lanciato con l’idea di creare un canale diretto tra Pubblica Amministrazione e cittadini. A distanza di 4 anni però i risultati deludenti hanno portato alla decisione – annunciata dall’Agid con Nota 17 dicembre 2014 – di dismettere il servizio: si tratta di Postacertificat@ (Cec-Pac), progetto varato nel 2010 dall’allora Ministro per la P.A. e l’Innovazione, Renato Brunetta.

Il servizio di Postacertificat@ (Cec-Pac), che puó essere utilizzato solo per comunicazioni verso la P.A.– si legge nel Comunicato – sarà da oggi progressivamente sospeso per far convergere tutte la posta certificata sul sistema Pec”.

I tempi

Queste le tappe per la dismissione della Posta certificata governativa:

  1. dal 18 dicembre 2014 non saranno più rilasciate nuove caselle Cec-Pac a cittadini e P.A., anche per quelle caselle la cui richiesta di attivazione online è stata presentata in data antecedente, ma che non sono state ancora attivate presso gli Uffici postali;.
  2. dal 18 marzo 2015 al 17 luglio 2015 le caselle saranno mantenute attive solo in modalità di ricezione e sarà consentito agli utenti l’accesso solo per la consultazione e il salvataggio dei messaggi ricevuti;
  3. dal 18 luglio 2015 le caselle non saranno più abilitate alla ricezione di messaggi, e l’accesso sarà consentito, fino al 17 settembre 2015, solo per la consultazione e il salvataggio dei messaggi ricevuti; dal 18 settembre 2015 sarà definitivamente inibito l’accesso alla propria caselle Cec-Pac;
  4. dal 18 settembre 2015 al 17 marzo 2018, sarà garantita agli utenti del servizio Cec-Pac la possibilità di richiedere l’accesso ai log dei propri messaggi di Posta elettronica certificata;
  5. dal 18 marzo 2015 tutti gli utenti Cec-Pac potranno richiedere una casella Pec, gratuita per un anno, tramite l’indirizzo richiestapec@agid.gov.it.

Le ragioni

La decisione è stata dettata dalla scarsa adesione al progetto da parte dei cittadini. Complessivamente, in 4 anni sono state effettuate 2,1 milioni di pre-attivazioni dal portale, tradottesi in 1,2 milioni di attivazioni effettive di caselle di posta (per portare a termine l’attivazione c’era infatti la necessità di recarsi presso un Ufficio postale). Inoltre, i dati diffusi dall’Agenzia evidenziano come l’82% di quel milione di cittadini dotati dell’indirizzo di Posta certificata non abbia mai effettuato un invio.

 


Tags assigned to this article:
Cec-PacPostacertificat@

Related Articles

“Covid-19”: emanato nuovo Dl. che introduce misure per il contenimento del contagio

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 10 del 14 gennaio 2021 il Dl. 14 gennaio 2021 n. 2, recante “Ulteriori

Aziende speciali: la revoca dell’Amministratore spetta al Giudice amministrativo

La natura pubblicistica dell’Azienda speciale, che la rende strettamente compenetrata all’Ente Locale, configura un modello organizzativo di gestione dei servizi