Prestiti agli Enti territoriali: il termine per chiedere alla Cassa DD.PP. il rimborso anticipato o la riduzione è il 1° giugno 2015

Prestiti agli Enti territoriali: il termine per chiedere alla Cassa DD.PP. il rimborso anticipato o la riduzione è il 1° giugno 2015

Con un Comunicato pubblicato l’8 maggio 2015 sul proprio sito istituzionale, la Cassa Depositi e Prestiti spa ha reso noto che gli Enti Locali interessati ad ottenere il rimborso anticipato o la riduzione dei prestiti in corso devono far pervenire la propria domanda entro il 1° giugno 2015.

Per quanto riguarda la prima tipologia di richiesta, il Pronunciamento specifica che le richieste di rimborso di prestiti in essere al 30 giugno 2015 dovranno essere corredate dalla Deliberazione consiliare che autorizza l’operazione di rimborso anticipato, esecutiva ai sensi di legge.

E’ inoltre stata prevista la possibilità di richiedere il rimborso anticipato parziale dei prestiti ordinari in ammortamento ed a totale carico dell’Ente beneficiario che, alla data del 31 maggio 2015, risultino integralmente erogati. Nel caso di estinzione anticipata parziale, la Delibera di Consiglio dovrà contenere, per ciascuna posizione di mutuo, l’esatto importo della quota di debito residuo da estinguere.

Quanto alle domande di riduzione dell’importo nominale dei prestiti, per la rideterminazione dei piani di ammortamento corrispondenti, queste avranno effetto dal 1° luglio 2015. Le domande di riduzione pervenute dopo la scadenza del 1° giugno 2015 saranno istruite da Cassa Depositi e Prestiti con effetto dal 1° gennaio dell’anno successivo.


Tags assigned to this article:
cassa DD.PP.enti localimutui

Related Articles

Elezioni amministrative giugno 2017: le Istruzioni del Viminale su spese e onorari dei componenti dei seggi

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con la Circolare n. 6 del 12 aprile 2017, pubblicata sul

Patto di stabilità: le sanzioni per il mancato rispetto riscontrato in via postuma

Nella Delibera n. 94 del 16 maggio 2017 della Corte dei conti Sicilia viene chiesto un parere in tema di