Principio di rotazione negli appalti sotto soglia: la deroga può essere motivata da assenza di alternative e grado di soddisfazione maturato

Principio di rotazione negli appalti sotto soglia: la deroga può essere motivata da assenza di alternative e grado di soddisfazione maturato

Nella Sentenza n. 492 del 22 maggio 2018 del Tar Sardegna, i Giudici si esprimono sull’applicazione del principio di rotazione negli appalti sotto soglia. I Giudici sardi chiariscono che, ai sensi dell’art. 36, del Dlgs. n. 50/18, se l’affidamento “sotto soglia” si svolge previa procedura comparativa,l’applicazione del principio di rotazione è anticipata al momento della scelta dei soggetti da invitare. Tuttavia, il principio di rotazione degli inviti non è dotato di portata precettiva assoluta e perciò sopporta alcune limitate deroghe, come espressamente chiarito dalle “Linee-guida” n. 4 dell’Anac sugli affidamenti sotto soglia, nelle quali è stata espressamente consentita una motivata deroga al principio di rotazione in caso di “riscontrata effettiva assenza di alternative ovvero del grado di soddisfazione maturato a conclusione del precedente rapporto contrattuale (esecuzione a regola d’arte, nel rispetto dei tempi e dei costi pattuiti)” e negli stessi termini si è pronunciata anche la Commissione speciale del Consiglio di Stato, chiarendo che “il principio di rotazione comporta in linea generale che l’invito all’affidatario uscente rivesta carattere eccezionale e debba essere adeguatamente motivato, avuto riguardo al numero ridotto di operatori presenti sul mercato, al grado di soddisfazione maturato a conclusione del precedente rapporto contrattuale ovvero all’oggetto ed alle caratteristiche del mercato di riferimento”.


Related Articles

Servizi complementari: legittimo l’affidamento senza gara solo se il nuovo Servizio non è separabile da quello previsto nel contratto iniziale

Nella Sentenza n. 1217 dell’8 settembre 2015 del Tar Toscana, i Giudici statuiscono che l’affidamento di servizi complementari con procedura

Bilancio: al via l’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli Enti Locali

 Con il Decreto interministeriale 7 luglio 2015 – la cui diffusione sul sito della Direzione centrale della Finanza locale è

Trasferimenti erariali: per il “Fondo europeo per i rifugiati” riaperto il termine per presentare i progetti a valere sull’Avviso 2.3

Con la Nota 18 giugno 2014, pubblicata sul proprio sito, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per le Politiche dell’Immigrazione