Procedimento di verifica dell’anomalia: termini flessibili

Procedimento di verifica dell’anomalia: termini flessibili

Nella Sentenza 4838 del 17 ottobre 2017 del Tar Campania, i Giudici si esprimono sulla qualificazione, in termini perentori o meno, del termine entro il quale un appaltatore con offerta potenzialmente anomala è tenuto a presentare le proprie giustificazioni. I Giudici campani rilevano che nel caso di specie non appare condivisibile l’affermazione secondo la quale il termine previsto dall’art. 97, comma 5, del Dlgs. n. 50/16 (“la stazione appaltante richiede per iscritto, assegnando al concorrente un termine non inferiore a quindici giorni, la presentazione, per iscritto, delle spiegazioni”), sia da interpretare come termine perentorio oltre il quale non

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incarichi legali: la Corte dei conti Emilia fa il punto sulle norme che ne regolano l’affidamento

Nella Delibera n. 4 del 16 gennaio 2018 della Corte dei conti Emilia Romagna, la Sezione si esprime sulla questione

Ici/Imu: mancato obbligo di comunicazione della Delibera di fissazione de valori di mercato delle aree fabbricabili

Tar Piemonte, Torino, Sentenza n. 1303 del 31 luglio 2015 Nella controversia in esame i ricorrenti, proprietari di un immobili,