Procedura informatica “Docfa”: la variazione catastale vale dall’anno d’imposta successivo

Procedura informatica “Docfa”: la variazione catastale vale dall’anno d’imposta successivo

Nell’Ordinanza n. 21760 del 7 settembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di Ici, la disciplina dettata dall’art. 5, comma 2, del Dlgs. n. 504/92 – in base alla quale le variazioni delle risultanze catastali hanno efficacia, ai fini della determinazione della base imponibile, a decorrere dall’anno successivo a quello nel corso del quale sono state annotate negli atti catastali – si applica anche quando il contribuente, ai fini della determinazione della rendita catastale, si avvalga della Procedura “Docfa”. Atteso che il termine di efficacia delle rendite stabilito dal citato art. 5, comma 2, è ispirato a ragioni di uniformità delle dichiarazioni e degli accertamenti e costituisce espressione del principio di eguaglianza.


Related Articles

Acquisto “prima casa”: abitazione “di lusso” e superfici escluse

Nella Sentenza n. 441/10/14 della Ctp Bergamo, 2 coniugi hanno impugnato l’avviso di liquidazione d’imposta e d’irrogazione di sanzioni conseguente

“Prima casa”: gravi problemi di salute non giustificano il mancato trasferimento della residenza

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 22002 del 17 ottobre 2014, si è espressa sulle possibili cause di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.