Procedure “semplificate” affidamento servizi: il Tar Napoli interviene sui principi cui le Amministrazioni devono attenersi

Procedure “semplificate” affidamento servizi: il Tar Napoli interviene sui principi cui le Amministrazioni devono attenersi

Nella Sentenza n. 1336 dell’8 marzo 2017 del Tar Napoli, i Giudici si esprimono sulle procedure di affidamento di servizi ai sensi dell’art. 36 del Dlgs. n. 50/16, definite “semplificate”.

I Giudici campani riconoscono l’ampia discrezionalità dell’Amministrazione anche nella fase dell’individuazione delle ditte da consultare e, pertanto, della negazione della sussistenza di un diritto in capo a qualsiasi operatore del settore ad essere invitato alla procedura.

Inoltre, i Giudici rilevano che la marcata discrezionalità che connota la predetta procedura è temperata da alcuni principi, tra i quali la trasparenza (come antidoto preventivo a comportamenti arbitrari e, più in

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: assegnati 81.300 Euro ai Comuni fino a 1.000 abitanti per messa in sicurezza Scuole, strade ed edifici pubblici

E’ stato diffuso, il 1° febbraio 2021 sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, il testo del

Notifica cartella esattoriale: può avvenire tramite invio diretto, da parte del concessionario, di lettera raccomandata con avviso di ricevimento

Nella Sentenza n. 23182 del 12 novembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che, in tema di riscossione

Appalti sotto soglia: obbligo per le stazioni appaltanti di non invitare il gestore uscente

Nella Sentenza n. 2079 del 3 aprile 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda gli appalti