Processo amministrativo: motivo nuovo proposto per la prima volta in appello

by Redazione | 26/06/2021 11:27

Nella Sentenza n. 534 del 16 giugno 2021 della Cga Sicilia, i Giudici affermano che nel rilevare d’ufficio l’inammissibilità di un motivo nuovo perché proposto per la prima volta in appello, non occorre dare alle parti l’avviso di cui all’art. 73 del Cpa. per le questioni rilevate d’ufficio. Peraltro, i Giudici hanno chiarito che lo scopo dell’art. 73 del Cpa. è di evitare le cd. decisioni “a sorpresa”, con esiti processuali non prevedibili per le parti perché relativi a questioni giuridiche dalle parti non prese in considerazione. Non si ricade in tale ipotesi quando la parte, assistita dallo stesso difensore sia in primo grado che in appello, modifica in appello la materia del contendere del giudizio di primo grado in senso additivo, con l’aggiunta di questioni mai sollevate in prime cure e che esulano dalla critica alla Sentenza gravata. In tal caso, la parte non può non essere consapevole della propria scelta processuale e delle conseguenze giuridiche della stessa, né può ritenersi “colta di sorpresa” dalla declaratoria di inammissibilità, essendo piuttosto essa parte a porre in essere un atto processuale “a sorpresa” che, sotto veste di riproposizione dei motivi del primo grado e di critica alla Sentenza, introduce senza avviso esplicito al Giudice e alle altre parti censure nuove mai esposte in prime cure. A fronte di una consapevole scelta processuale della parte, ragioni di economia processuale impongono di applicare le conseguenze processuali discendenti direttamente dalla legge, e conoscibili dalla parte, senza necessità di attivare il contraddittorio.

Source URL: https://www.entilocali-online.it/processo-amministrativo-motivo-nuovo-proposto-per-la-prima-volta-in-appello/