Processo tributario: impugnabilità degli atti presupposti

Processo tributario: impugnabilità degli atti presupposti

Nell’Ordinanza n. 24638 del 19 ottobre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che un contribuente può impugnare la cartella di pagamento della quale, a causa dell’invalidità della relativa notifica, sia venuto a conoscenza solo attraverso un estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal Concessionario della riscossione. A ciò non osta l’ultima parte dell’art. 19, comma 3, del Dlgs. n. 546/92, in quanto una lettura costituzionalmente orientata impone di ritenere che l’impugnabilità dell’atto precedente non notificato unitamente all’atto successivo notificato – impugnabilità prevista da tale norma – non costituisca l’unica possibilità di far valere l’invalidità della notifica di un atto del quale il contribuente sia comunque venuto legittimamente a conoscenza e quindi non escluda la possibilità di far valere l’invalidità stessa anche prima, giacché l’esercizio del diritto alla tutela giurisdizionale non può essere compresso, ritardato, reso più difficile o gravoso, ove non ricorra la stringente necessità di garantire diritti o interessi di pari rilievo, rispetto ai quali si ponga un concreto problema di reciproca limitazione.

Nel caso di specie, il contribuente ha impugnato la proposta di compensazione ex art. 28-ter del Dpr. n. 602/73, non per rimettere in discussione la pretesa impositiva oramai cristallizzata nelle cartelle di pagamento divenute definitive, ma per un fatto nuovo e sopravvenuto, rispetto alla notifica delle stesse, fatto che le renderebbe “invalide”, dovuto al decorso del termine prescrizionale di 5 anni del credito tributario Tarsu, in assenza di atti interruttivi, e ciò sulla base della legge regolativa del Tributo.


Related Articles

Assunzioni stagionali: rilevano ai fini del calcolo della spesa di personale?

LaCorte dei conti Liguria ha pubblicato ieri sul proprio sito istituzionale la Delibera n. 57 del 24 ottobre 2014, nella

Modello“F24EP”: riviste alcune procedure per l’utilizzo ma occorre prima l’adeguamento dei Programmi ministeriali

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 10 del 14 gennaio 2021 il Decreto Mef 28 agosto 2020, con il quale

Beni e attività culturali: stop agli ingressi gratuiti nei musei per gli “over 65”

Con il Decreto 27 giugno 2014, n. 94, pubblicato sulla G.U. n. 149 del 30 giugno 2014, il Ministero dei