Processo tributario: integrazione del contraddittorio

Processo tributario: integrazione del contraddittorio

Nella Sentenza n. 17497 del 2 settembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che, in tema di contenzioso tributario, in caso di litisconsorzio processuale che determina l’inscindibilità delle cause anche ove non sussisterebbe il litisconsorzio necessario di natura sostanziale, l’omessa impugnazione della Sentenza nei confronti di tutte le parti non determina l’inammissibilità del gravame. Ne deriva piuttosto la necessità, da parte del Giudice, di ordinare l’integrazione del contraddittorio, ai sensi dell’art. 331 del Cpc., nei confronti della parte pretermessa, pena la nullità del procedimento di secondo grado e della Sentenza che l’ha concluso, rilevabile d’ufficio anche in sede di legittimità.

Sentenza n. 17497 del 2 settembre 2015 della Corte di Cassazione


Related Articles

Accertamento catastale: revisione del classamento

Nell’Ordinanza n. 18655 dell’8 settembre 2020 della Corte di Cassazione,la Suprema Corte chiarisce che il provvedimento di riclassamento, atteso il

Esenzione Ici: non si applica se le attività di natura istituzionale non sono riconducibili all’Ente pubblico che lo ha dato in concessione

Nella Sentenza n. 16797 del 7 luglio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame ha ad oggetto

Decreto “Liquidità Imprese” e coordinamento con le norme del Decreto “Cura Italia”: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 9/E del 13 aprile 2020, ha fornito chiarimenti in merito ai contenuti del