Processo tributario: nessuna automatica Autorità di cosa giudicata può attribuirsi alla Sentenza penale in materia di reati fiscali

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 6211 del 26 marzo 2015, afferma che in materia di contenzioso tributario, nessuna automatica Autorità di cosa giudicata può attribuirsi alla Sentenza penale irrevocabile, di condanna o di assoluzione, emessa in materia di reati fiscali, ancorché i fatti esaminati in sede penale siano gli stessi che fondano l’accertamento degli Uffici finanziari, dal momento che nel processo tributario vigono i limiti in materia di prova posti dall’art. 7, comma 4, del Dlgs. n. 546/92, e trovano ingresso invece anche presunzioni semplici, di per sé inidonee a supportare una pronuncia penale di condanna. Ne

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.