Processo tributario: produzione di nuovi documenti in appello

Processo tributario: produzione di nuovi documenti in appello

Nell’Ordinanza n. 5491 del 3 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici chiariscono che, in materia di produzione documentale in grado di appello nel Processo tributario, alla luce del principio di specialità espresso dall’art. 1, comma 2, del Dlgs. n. 546/92 – in forza del quale, nel rapporto fra norma processuale civile ordinaria e norma processuale tributaria, prevale quest’ultima – non trova applicazione la preclusione di cui all’art. 345, comma 3, del Cpc., essendo la materia regolata dall’art. 58, comma 2, del citato Dlgs., che consente alle parti di produrre liberamente i documenti anche in sede di gravame, sebbene preesistenti al giudizio svoltosi in primo grado

Quindi, la Suprema Corte statuisce che è ammissibile la produzione di nuovi documenti per la prima volta in appello, senza alcuna sanzione per l’omessa produzione nel procedimento di primo grado.


Related Articles

Tributi locali: l’Agenzia delle Entrate chiarisce le modalità di accatastamento delle infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione

È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate, la Circolare 8 giugno 2017, n. 18/E, avente ad oggetto

Rifiuti delle abitazioni: ai fini tarsu non sono equiparabili a quelli degli alberghi

Nella Sentenza n. 14272 dell’8 luglio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che i rifiuti delle

Riscossione: sono inesistenti le notifiche postali degli atti tributari effettuate dai vettori privati

Nell’Ordinanza n. 234 dell’8 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda la presunta inesistenza della notifica di