Processo tributario: produzione di nuovi documenti in appello

Processo tributario: produzione di nuovi documenti in appello

Nell’Ordinanza n. 5491 del 3 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici chiariscono che, in materia di produzione documentale in grado di appello nel Processo tributario, alla luce del principio di specialità espresso dall’art. 1, comma 2, del Dlgs. n. 546/92 – in forza del quale, nel rapporto fra norma processuale civile ordinaria e norma processuale tributaria, prevale quest’ultima – non trova applicazione la preclusione di cui all’art. 345, comma 3, del Cpc., essendo la materia regolata dall’art. 58, comma 2, del citato Dlgs., che consente alle parti di produrre liberamente i documenti anche in sede di gravame, sebbene preesistenti al giudizio svoltosi in primo grado

Quindi, la Suprema Corte statuisce che è ammissibile la produzione di nuovi documenti per la prima volta in appello, senza alcuna sanzione per l’omessa produzione nel procedimento di primo grado.


Related Articles

Trasferimenti erariali: comunicato della Finanza locale sull’erogazione del contributo per la partecipazione all’attività di accertamento fiscale

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Ministero dell’Interno – Dipartimento della Finanza locale, il Comunicato 21 ottobre 2015,

Imposta comunale sulla pubblicità: è dovuta sui cartelli esposti nei negozi all’interno di un centro commerciale

Nella Sentenza n.  6714 del 15 marzo 2017 della Corte di Cassazione, una Società impugnava cinque avvisi di accertamento a

Tarsu: mancanza di un motivato avviso di accertamento

Nella Sentenza n. 3657 del 24 febbraio 2015, la Corte di Cassazione osserva che l’art. 70 del Dlgs. n. 507/93