“Processo tributario telematico”: dal 15 luglio 2017 è attivo in tutta Italia

“Processo tributario telematico”: dal 15 luglio 2017 è attivo in tutta Italia

Dal 15 luglio 2017 il Processo tributario telematico è attivo in tutta la Penisola. E’ quanto ha evidenziato il Ministero dell’Economia e delle Finanze con il Comunicato n. 122, pubblicato il 14 luglio 2017 sul proprio sito istituzionale. Questa infatti la data in cui le nuove procedure informatiche sono approdate anche alle Commissioni tributarie delle Regioni Marche e Val D’Aosta e delle Province autonome di Trento e Bolzano, chiudendo il cerchio del lungo percorso avviato nel 2015 con il debutto sperimentale in Umbria e in Toscana.

Il Dicastero ha evidenziato che è ora possibile, attraverso il Portale dedicato www.giustiziatributaria.gov.it, accedere al Sistema informativo della Giustizia Tributaria (“Sigit Ptt”) per il deposito telematico presso tutte le Commissioni tributarie provinciali e regionali degli atti e documenti processuali già notificati via Pec alla controparte.

Inoltre, gli Enti impositori opportunamente registrati possono ora consultare il fascicolo processuale contenente tutti gli atti e documenti del contenzioso a cui sono interessati. Possibilità, quest’ultima, aperta anche a Giudici tributari, contribuenti e professionisti.

Stando a quanto riferito dal Ministero dell’Economia, alla data del 30 giugno 2017, risultano essere stati depositati telematicamente, nei 2 gradi di giudizio, oltre 65.000 atti e documenti processuali.


Related Articles

Imu: coniugi residenti in Comuni diversi

Nell’Ordinanza n. 15901 dell’8 giugno 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte osserva che l’art. 13, comma 2, del Dl.

Tari: il Comune non può fissare un limite massimo alla riduzione tariffaria

Nella Sentenza n. 585 del 29 gennaio 2018 del Consiglio di Stato, un Comune ha approvato il Regolamento recante la

Gettone di presenza a Consiglieri comunali: non spetta per la partecipazione alla Conferenza dei Capigruppo

Nella Delibera n. 36 del 2 agosto 2018 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in