“Proposta immobili 2016”: sono 544 i beni pubblici candidati a percorsi di valorizzazione

“Proposta immobili 2016”: sono 544 i beni pubblici candidati a percorsi di valorizzazione

Un totale di 544 beni candidati, il 60% dei quali proposti dai Comuni e il restante 40% da Regioni, Province, Città metropolitane, Aziende sanitarie, Università e altri Enti. E’ il bilancio dell’operazione “Proposta immobili 2016”, tracciato dal Dicastero dell’Economia con Comunicato n. 115 del 27 giugno 2016.

La seconda edizione del Progetto, promosso dal Mef e dall’Agenzia del Demanio per selezionare i patrimoni pubblici da inserire in percorsi di valorizzazione e dismissione, si è conclusa il 20 giugno scorso e ha visto la partecipazione di 241 Enti.

Il portafoglio immobiliare proposto è costituito da beni distribuiti su quasi tutto il territorio nazionale: 7 in Abruzzo, 22 in Basilicata, 3 in Calabria, 36 in Campania, 60 in Emilia Romagna, 16 in Friuli Venezia Giulia, 27 nel Lazio, 21 in Liguria, 52 in Lombardia, 31 nelle Marche, 37 in Piemonte, 37 in Puglia, 14 in Sardegna, 32 in Sicilia, 43 in Toscana, 1 in Trentino Alto Adige, 1 in Umbria, 104 in Veneto.

Le tipologie di immobili proposti spaziano dalle ville storiche alle ex caserme, dai capannoni agli impianti sportivi.

E’ attualmente in corso l’attività di verifica delle candidature sulla base dei criteri previsti da “Proposta Immobili” e successivamente si passerà alla fase di analisi e raccolta delle informazioni di dettaglio sui beni selezionati per inserirli nei percorsi di valorizzazione più idonei.

Grazie a questa operazione, sarà possibile generare risorse per le Amministrazioni Pubbliche attraverso iniziative di recupero, riqualificazione o cessione del patrimonio immobiliare per destinarlo a nuove attività economiche, produttive e sociali.


Related Articles

Unioni civili e convivenze di fatto: le novità introdotte dalla “Legge Cirinnà”

Sulla G.U. del 21 maggio è stata pubblicata la Legge 20 maggio 2016, n. 76, avente ad oggetto “Regolamentazione delle

“Fondo salario accessorio”: possibilità di incremento con le risorse non utilizzate l’anno precedente

La Corte dei conti Marche, con la Delibera n. 179 del 5 ottobre 2015, si è espressa in materia di

Tributi locali: Nota delle Entrate sugli errori di rendicontazione commessi dagli intermediari

È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Ifel una Nota dell’Agenzia delle Entrate inoltrata all’Anci nazionale avente ad oggetto “Errata