Raggruppamento temporaneo di Imprese: i requisiti di qualificazione devono essere posseduti dall’intero Raggruppamento

Raggruppamento temporaneo di Imprese: i requisiti di qualificazione devono essere posseduti dall’intero Raggruppamento

Nella Sentenza n. 1040 del 17 luglio 2018 del Tar Toscana, la questione controversa in esame riguarda il riparto dei requisiti per partecipare ad una procedura di gara tra Imprese facenti parte di Raggruppamento. I Giudici toscani chiariscono che il Dlgs. n. 50/2016, nel caso di concorrenti che partecipano alla gara in Raggruppamento temporaneo di Imprese, privilegia il dato sostanziale costituito dall’effettivo possesso dei requisiti di qualificazione da parte dell’intero Raggruppamento, fermo restando che l’esecuzione dovrà poi essere ripartita tra le Imprese raggruppate nei limiti della qualificazione posseduta da ciascuna di esse. Tale esigenza ben può essere soddisfatta con l’applicazione del “soccorso istruttorio”. Inoltre, i Giudici precisano che non può essere pronunciata l’esclusione laddove la qualificazione necessaria all’esecuzione del lavoro (come del servizio o della fornitura) sia posseduta dall’intero Raggruppamento ma erroneamente ripartita tra le Imprese raggruppate. In tal caso, la stazione appaltante deve assegnare un termine al concorrente per correggere la dichiarazione circa la suddivisione delle quote di esecuzione al fine di riportarla nei limiti posseduti da ciascuna Impresa raggruppata.


Related Articles

“5 per mille”: erogati gli importi destinati ai Comuni riferiti all’anno d’imposta 2015 e pubblicati gli Elenchi definitivi dei beneficiari

Con un Comunicato pubblicato il 1° giugno 2018 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha

“OpenCivitas”: al via il nuovo strumento Sose per monitorare e confrontare fabbisogni finanziari e performance degli Enti Locali

Con il Comunicato 16 luglio 2014, pubblicato sul proprio sito web, la Societá Sose (Soluzioni per il sistema conomico Spa)

Notifica: è valida in caso di temporanea assenza del destinatario dall’indirizzo di residenza

Nell’Ordinanza n. 21877 del 7 settembre 2018 della Corte di Cassazione, l’Agenzia delle Entrate impugna una Sentenza relativa ad una

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.