Recesso dal contratto appalto a seguito di Interdittiva Antimafia: possibilità di revisione dei prezzi

Recesso dal contratto appalto a seguito di Interdittiva Antimafia: possibilità di revisione dei prezzi

Consiglio di Stato, Sentenza n. 14 del 6 agosto 2021

Nel caso in oggetto, i Giudici si esprimono sulla spettanza della revisione prezzi in caso di recesso dal contratto di appalto a seguito di Interdittiva Antimafia. In particolare, i Giudici affermano che negli appalti pubblici di servizi aggiudicati a seguito di una procedura di evidenza pubblica, aventi ad oggetto prestazioni periodiche o continuative connotate da standardizzazione, omogeneità e ripetitività, il “valore delle prestazioni già eseguite”, da pagarsi all’esecutore nei limiti delle utilità conseguite dalla Stazione appaltante, in caso di Interdittiva Antimafia, ai sensi e per gli effetti degli artt. 92, comma 3 e 94, comma 2 del Dlgs. n. 159/2011, corrisponde al prezzo contrattuale concordato dalle parti, salva la possibilità di prova contraria da parte della Stazione appaltante che esercita il recesso.

Inoltre, nella determinazione del valore-prezzo degli appalti di servizi da pagarsi per le prestazioni già eseguite, ai sensi e per gli effetti degli artt. 92, comma 3 e 94, comma 2 del Dlgs. n. 159/2011, deve intendersi compresa anche la somma derivante dall’applicazione del procedimento obbligatorio di revisione dei prezzi di cui all’art. 115 del Dlgs. n. 163/2006 (vigente ratione temporis).


Related Articles

Appalti: da gennaio 2022 diventa operativo il “Bando digitale tipo” per le gare predisposto da Anac

Come si legge sul Portale istituzionale Anac, da gennaio 2022 diventa operativo il Bando digitale tipo per tutte le gare

Come prepararsi al “Pnrr”

Il parere di Nicola Tonveronachi, AD di Centro Studi Enti Locali ed esperto di Finanza locale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.