Regolamento per funzioni tecniche

Regolamento per funzioni tecniche

Nella Delibera n. 41 del 19 marzo 2018 della Corte dei conti Umbria, viene chiesto un parere sull’applicabilità del Regolamento di cui all’art. 113, comma 2, del Dlgs. n. 50/16, anche agli incarichi espletati prima della sua adozione. La Sezione rileva che il “Regolamento” previsto dall’art. 113 del Dlgs. n. 50/16 rappresenta una “condizione essenziale ai fini del legittimo riparto tra gli aventi diritto delle risorse […] del fondo”.

Dunque, secondo la Sezione, si è in presenza di una “condicio iuris”, ossia di un elemento normativo che concorre al perfezionamento della fattispecie produttiva del diritto all’incentivo. Quindi, l’applicazione del Regolamento di cui al richiamato art. 113 agli incentivi degli incarichi espletati prima della sua adozione (ma pur sempre dopo l’entrata in vigore del Dlgs. n. 50/16) non pone un problema di efficacia “retroattiva” del Regolamento stesso, ma di concreto perfezionamento della fattispecie produttiva del diritto all’incentivo.


Related Articles

Incentivi per attività tecniche relative ad opere pubbliche: i limiti alla luce del nuovo “Codice degli Appalti”

Nella Delibera n. 184 del 5 luglio 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede, se alla luce del

I componenti la Commissione giudicatrice non possono approvare gli atti di gara

Nella Sentenza n. 408 del 30 settembre 2019 del Tar Friuli Venezia Giulia, la questione controversa riguarda la violazione dell’art.

Concessione di servizi: per il calcolo del valore da porre a base di gara conta la totalità dei ricavi

Il Parere n. 96 del 26 novembre 2014 dell’Anac riguarda la correttezza del calcolo dell’importo delle garanzie riferite ad una