Relazione sul bilancio di previsione 2021-2023: nota operativa Cdc

Relazione sul bilancio di previsione 2021-2023: nota operativa Cdc

Si rammenta che nelle Linee guida per la predisposizione della relazione sul bilancio di previsione 2021-2023 da parte degli Organi di revisione economico-finanziaria degli Enti locali, approvate dalla Corte dei conti, Sezione Autonomie con Delibera n. 2/2021, non era stato adottato il relativo questionario; quest’anno per i revisori permane comunque l’obbligo di controllo della Corte dei conti dell’adempimento relativo all’invio della Relazione al bilancio di previsione 2021-2023 e dell’annessa documentazione.

Una volta avvenuta l’approvazione del bilancio di previsione 2021-2023 da parte dell’Organo consiliare, la relazione dell’Organo di revisione dovrà essere trasmessa con il Sistema “Con.Te” (in alcune Regioni il termine di trasmissione è in scadenza: per es. la Regione Lombardia ha stabilito come data ultima per l’invio il 30 settembre 2021). Per adempiere al suddetto obbligo è sufficiente trasmettere, entro il termine stabilito dalla Sezione regionale di controllo competente, tramite il sistema “Con.Te”, un documento che fornisca gli elementi richiamati nelle Linee guida citate (art. 1, comma 166 e ss., della Legge n. 266/2005); in caso contrario gli Organi di revisione dovranno trasmettere anche una Nota di integrazione contenente le informazioni utili mancanti.

La Nota pubblicata sul portale della Corte dei conti in data 27 settembre 2021 precisa ora che, nell’esecuzione dell’adempimento in questione, può essere considerata corretta la trasmissione da parte dell’Organo di revisione del parere sul bilancio di previsione 2021-2023, reso dai revisori agli organi elettivi, qualora questo riporti almeno le informazioni minime già previste nello schema di parere approvato dal Consiglio dell’Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili. 


Related Articles

Processo tributario: la Cassazione chiarisce le cause pregiudicanti

Nell’Ordinanza n. 16212 del 20 giugno 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che la sospensione necessaria

Avvocato pubblico: in caso di vittoria in giudizio della P.A., la parte soccombente deve versare gli “oneri riflessi” nella misura di legge

Nella Sentenza n. 1104 del 6 ottobre 2017 del Tar Piemonte, i Giudici si esprimono sui compensi degli Avvocati pubblici.

Danno erariale: condanna di Amministratori per il riparto del compenso incentivante per l’accertamento dei tributi

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’appello, Sentenza n. 298 del 23 marzo 2013 Oggetto Condanna degli Amministratori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.