Residui attivi di dubbia esigibilità: riaccertamento e residui attivi inesigibili

Residui attivi di dubbia esigibilità: riaccertamento e residui attivi inesigibili

Nella Delibera n. 94 del 9 novembre 2020 della Corte dei conti Liguria, la Sezione accerta:

– l’insussistenza/inesigibilità dei residui attivi mantenuti in contabilità per l’esercizio 2017;

– la conseguente incidenza sul risultato di amministrazione afferente al rendiconto consuntivo 2017;

– la capienza del suddetto risultato di amministrazione ai sensi di legge con conseguente avanzo libero positivo.

La Sezione osserva che, in presenza di residui attivi di dubbia esigibilità, è necessario vincolare l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione al loro effettivo realizzo. L’inserimento nel rendiconto di un Ente di residui attivi inesigibili o insussistenti (esempio, a causa di una distorta applicazione dell’art. 179 del Dlgs. n. 267/2000 in materia di accertamento delle entrate e/o di un insufficiente riaccertamento dei residui con il mantenimento di residui da cancellare anche se conseguenti a corretti accertamenti), è contrario ai fondamentali Principi di certezza, veridicità ed attendibilità del bilancio.

Pertanto, l’attività di riaccertamento dei residui è strettamente legata alla quantificazione del risultato di amministrazione. Tale attività costituisce, da ultimo, un adempimento obbligatorio per legge (art. 228, comma 3, del Tuel). Esso è caratterizzato da un’azione propulsiva e di coordinamento da parte del Responsabile del Servizio “Finanziario” e coinvolge tutti i Dirigenti/Responsabili di servizio, i quali sono tenuti ad attestare, chiaramente, le ragioni del mantenimento in bilancio di tali poste, e perciò, a motivarne espressamente il mancato stralcio.

Dunque, la Sezione, nel caso di specie, ordina l’eliminazione dalla contabilità dei residui attivi insussistenti/inesigibili.


Related Articles

Spese ordinarie d’ufficio: non comprendono il telefono cellulare per gli impiegati pubblici e gli Amministratori locali

Nella Sentenza 138 del 6 giugno 2016 della Corte dei conti Toscana, la Sezione esamina il conto della gestione reso

Dematerializzazione procedure scolastiche: pesanti i ritardi ma buono il risparmio di spesa

Con il Comunicato-stampa 26 ottobre 2015, la Corte dei conti ha reso noto il contenuto della Delibera n. 7 del

Obbligo a carico delle Province e Comuni di redigere una relazione di fine mandato

Nella Delibera n. 196 del 24 novembre 2015 della Corte dei conti Molise, il parere richiesto riguarda la corretta interpretazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.