Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza: deve essere garantita autonomia e indipendenza

Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza: deve essere garantita autonomia e indipendenza

Anac, Delibera n. 59 del 1° febbraio 2017

Nella fattispecie in esame, viene contestato l’atto di un Cda che dispone la revoca dell’incarico di Direttore generale e di Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza in capo al Dirigente di una Società a partecipazione pubblica locale.

Il Presidente della Società partecipata riferisce all’Anac la decisione di revoca ai sensi dell’art. 15, comma 3, del Dlgs. n. 39/13, ma all’Autorità giungono, contemporaneamente, anche le contestazioni del Funzionario revocato, secondo il quale una simile scelta non sarebbe trasparente ma avrebbe un secondo fine, in quanto collegata alle denunce da questi effettuate

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ritardi nei pagamenti delle somme iscritte a ruolo: rideterminata nel 4,88% in ragione annuale la misura degli interessi di mora

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento Prot. n. 59743/2015 del 30 aprile 2015, ha proceduto alla definizione, a decorrere dal

Iva: qual è il regime da applicare sulla realizzazione di un edificio scolastico con contratto di disponibilità?

Il quesito: “Il Comune chiede se il canone versato per la realizzazione di una Scuola mediante contratto di disponibilità sia