Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza: deve essere garantita autonomia e indipendenza

Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza: deve essere garantita autonomia e indipendenza

Anac, Delibera n. 59 del 1° febbraio 2017

Nella fattispecie in esame, viene contestato l’atto di un Cda che dispone la revoca dell’incarico di Direttore generale e di Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza in capo al Dirigente di una Società a partecipazione pubblica locale.

Il Presidente della Società partecipata riferisce all’Anac la decisione di revoca ai sensi dell’art. 15, comma 3, del Dlgs. n. 39/13, ma all’Autorità giungono, contemporaneamente, anche le contestazioni del Funzionario revocato, secondo il quale una simile scelta non sarebbe trasparente ma avrebbe un secondo fine, in quanto collegata alle denunce da questi effettuate

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: il “reverse charge“ sulle forniture afferenti i servizi Iva si applica in base ai codici Ateco

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Normativa, con la attesa Circolare n. 14/E del 27 marzo 2015, ha stabilito che

Iva: anche le Società “in house” applicano il regime di esenzione alle prestazioni socio-sanitarie ed assistenziali

Ctr-Lombardia – Sentenza n. 1017/67/16 del 18 gennaio 2016   È stato avanzato ricorso alla Ctr-Lombardia da una Società “in-house

“Legge Delrio”:  per il Sottosegretario Bressa ha generato risparmi per oltre 400 milioni di Euro nel 2016

L’applicazione della Legge n. 56/2014 (c.d. “Legge Delrio”) avrebbe consentito di risparmiare oltre 400 milioni di Euro nel solo anno