“Responsabile della protezione dei dati”: pubblicato il Documento di indirizzo

“Responsabile della protezione dei dati”: pubblicato il Documento di indirizzo

Con il Provvedimento n. 186, pubblicato nella G.U. n. 132 del 4 giugno 2021, il Garante ha adottato il “Documento di indirizzo su designazione, posizione e compiti del Responsabile della protezione dei dati (‘Rpr’) in ambito pubblico” ai sensi dell’art. 57, par. 1, lett. b) e d), del Regolamento [UE] 679/2016, e dell’art. 154-bis, comma 1, lett. a), del Dl. n. 196/2003.

Sono 3 i macro argomenti presenti nell’Allegato al Provvedimento in cui sono presentati i compiti e la posizione del “Rpd”: la sua designazione, i suoi compiti e le sue qualità professionali.

Di seguito i punti affrontati nell’Allegato.

1. Introduzione 

2. Una considerazione preliminare: il “Rpd” quale “punto di contatto” per l’Autorità 

3. Obbligo di designazione 

3.1. Designazione di “Rpd” interno nelle more della conclusione del procedimento di affidamento dell’incarico a “Rpd” esterno 

4. Designazione di un unico “Rpd” per conto di più soggetti pubblici 

4.1. Comunicazione dei dati di contatto da parte di ciascun titolare in presenza di un “Rpd” selezionato da più titolari 

5. Qualità professionali e possesso di titoli 

6. Questioni attinenti alla designazione di un “Rpd” esterno 

6.1. Allineamento tra contratto di servizi, atto di designazione e pubblicazione/comunicazione al Garante 

6.2. Pluralità di enti pubblici per conto dei quali viene svolto l’incarico e pluralità di servizi forniti anche al medesimo titolare 

6.3. Individuazione, all’interno del “Rpd” persona giuridica, del referente persona fisica 

6.4. Durata dell’incarico 

6.5. Remunerazione 

7. Pubblicazione e comunicazione all’Autorità dei dati di contatto del “Rpd” 

8. Coinvolgimento da parte del titolare e svolgimento dei compiti da parte del “Rpd” 

9. Risorse messe a disposizione dal titolare e costituzione di un team di collaboratori del “Rpd” 

10. Incompatibilità con altri incarichi e conflitto di interessi 

10.1. “Rpd” interno che ricopre incarichi per i quali partecipa all’adozione delle decisioni in materia di finalità e modalità del trattamento, o altre decisioni che impattano su trattamenti di dati personali 

10.2. “Rpd” esterno che fornisce servizi IT quale responsabile del trattamento 

10.3. “Rpd” esterno che rappresenta in giudizio il titolare 

10.4. Inquadramento in caso di “Rpd” interno.


Related Articles

Ici: non tassabile il fabbricato accatastato come unità collabente

Nell’Ordinanza n. 7653 del 28 marzo 2018 della Corte di Cassazione, un contribuente riceveva da un Comune due avvisi di

Istat: uscita la quarta edizione di “Atlante Statistico dei Comuni”

Il 25 giugno 2021 l’Istat ha pubblicato sul proprio sito web la quarta edizione di “Atlante Statistico dei Comuni”. La

Conferimento incarichi apicali: l’art. 110 del Tuel alla luce della recente giurisprudenza

La disciplina contenuta nell’art. 110 del Dlgs. n. 267/00[1] costituisce, nell’ambito dell’ordinamento delle Autonomie locali, la norma di riferimento per

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.