Revisori Enti Locali: emanato il Decreto con l’Elenco valido a partire dal 1° gennaio 2021

Revisori Enti Locali: emanato il Decreto con l’Elenco valido a partire dal 1° gennaio 2021

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il Decreto 23 dicembre 2020, con il quale è stato approvato e diffuso l’Elenco aggiornato dei Revisori dei conti degli Enti Locali, che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2021. 

L’Elenco – relativo alle Regioni a Statuto ordinario ed aggiornato in applicazione dell’art. 8, comma 5, del Regolamento di cui al Dm. 15 febbraio 2013 – comprende 14.614 iscritti che hanno dichiarato di essere in possesso dei requisiti prescritti. Da questo bacino saranno estratti, tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021, i nominativi dei Revisori che opereranno negli Enti delle rispettive Regioni di competenza. 

Nell’arco del prossimo anno, il Dicastero effettuerà – come di consueto – una serie di controlli a campione per attestare la veridicità delle dichiarazioni contenute nelle domande di iscrizione relativamente al possesso dei requisiti. 

Come evidenziato nel Comunicato del Viminale, a partire dal 1° gennaio prossimo, nell’apposita Sezione “Elenco Revisori” del sito istituzionale della Direzione centrale della Finanza locale, saranno visibili e consultabili – per coloro che sono in possesso delle apposite credenziali, necessarie per l’accesso alla Banca dati – i dati di dettaglio. 


Tags assigned to this article:
2021elencoenti localiministero internoRevisori

Related Articles

Pagamenti elettronici: scatta l’obbligo di adesione al “Nodo dei pagamenti”

Entro il 31 dicembre 2015 l’Ente dovrà aderire al “Nodo dei pagamenti-Spc”. L’adempimento si considera assolto con l’adesione ai servizi

Trasmissione telematica dei corrispettivi: esclusi i Servizi di “Mensa” e “Trasporto”, ma i tempi per l’accertamento restano quelli ordinari

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 159 del 27 maggio 2019, ha ribadito che i Servizi

Società “in house”: la responsabilità in caso di mancato esercizio del “controllo analogo” 

Allo scopo di voler mettere in evidenza le possibili conseguenze relative al mancato esercizio del “controllo analogo” per gli affidamenti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.