Revoca dell’Assessore comunale e intuito personae

Revoca dell’Assessore comunale e intuito personae

Nella Sentenza n. 453 del 4 marzo 2019 del Tar Lombardia, un Sindaco ha revocato dalla carica di Vice-Sindaco ed Assessore la ricorrente. I Giudici rilevano che la nomina degli Assessori, prevista dall’art. 46, comma 2, del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), si basa infatti su un vincolo di fiducia tra il Sindaco e la Giunta, non richiedendosi alcuna motivazione in ordine alle ragioni della scelta compiuta, ma soltanto la comunicazione al Consiglio nella prima seduta successiva all’Elezione. Conseguentemente, analoga natura va riconosciuta al contrarius actus della revoca, ex art. 46, comma 4, del Tuel, che si fonda proprio sul venir meno dell’intuitu personae, come atto simmetricamente negativo alla nomina. In conclusione, poiché la nomina e la revoca degli Assessori comunali dipendono esclusivamente dall’esistenza di un rapporto fiduciario con il Sindaco, detti provvedimenti possono sorreggersi sulle più ampie valutazioni di opportunità politico amministrativa, tra cui l’affievolirsi del rapporto fiduciario, senza che occorra invece specificare, i singoli comportamenti addebitati all’interessato.


Related Articles

Ici/Imu: la determinazione del valore delle aree fabbricabili in caso di successione

Nell’Ordinanza n. 8614 del 26 marzo 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte afferma che la determinazione della base

“Next Generation Eu”: siglato l’Accordo sul “React-Eu”

Con l’Accordo siglato nei giorni scorsi tra Consiglio ed Europarlamento sul “React-Eu”, è stata disposta la mobilitazione di 47,5 miliardi

Lsu: trasmessi gli ordini di pagamento del contributo per la stabilizzazione

Con il Comunicato 15 ottobre 2014, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha annunciato che sono stati trasmessi,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.