Riforma del Catasto: definite composizione, attribuzioni e funzionamento delle Commissioni censuarie

Riforma del Catasto: definite composizione, attribuzioni e funzionamento delle Commissioni censuarie

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 9 del 13 gennaio 2015 il Dlgs. 17 dicembre 2014, n. 198, recante “Composizione, attribuzioni e funzionamento delle Commissioni censuarie, a norma dell’art. 2, comma 3, lett. a), della Legge 11 marzo 2014, n. 23”.

Il Decreto getta le basi per la riforma del Catasto, definendo da chi saranno composte e che compiti avranno le Commissioni censuarie provinciali e centrale. Si tratta del primo Decreto applicativo della “Legge-delega fiscale” (Legge 11 marzo 2014, n. 23, rubricata “Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita”) che fu pubblicata sulla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014.
Anche gli Enti Locali saranno rappresentati (da 2 membri su 6) all’interno delle Commissioni censuarie provinciali.
Le nuove Commissioni censuarie locali sono complessivamente 106 (gli Ambiti territoriali sono indicati nell’Allegato). A queste si affiancherà la Commissione censuaria centrale, con sede a Roma, che avrà il compito di decidere sui ricorsi dell’Agenzia delle Entrate e dei Comuni contro le decisioni delle Commissioni censuarie locali in materia di qualità, classi e tariffe d’estimo dei terreni e in materia di categorie, classi e tariffe d’estimo dei fabbricati.
Le Commissioni saranno composte da 3 Sezioni: una competente in materia di Catasto dei terreni, una competente in materia di Catasto urbano e un’altra specializzata nella revisione del sistema estimativo del Catasto dei fabbricati.


Tags assigned to this article:
catastocommissioni censuarieriforma

Related Articles

Processo tributario: in appello non è vietato produrre nuovi documenti

Nell’Ordinanza n. 24906 del 9 ottobre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in materia di

Compensazione mancato gettito Comuni: Anci, “Bene misure Dl. ‘Sostegni’ ma occorre estendere misure a tutto il 2021”

Tra le richieste avanzate anche il rinvio del consuntivo al 31 maggio “Le misure adottate fino ad oggi hanno consentito

Inps: modalità di accreditamento delle P.A. al Servizio telematico “Richiesta visita medica di controllo”

Con il Messaggio n. 3685 del 26 settembre 2017, l’Inps ha fornito chiarimento in merito alle modalità di accreditamento delle