Riscossione coattiva: legittimità degli atti emessi dai Funzionari non abilitati alle funzioni di Ufficiali

by Redazione | 28/12/2017 10:39

Per quanto riguarda il procedimento di riscossione coattiva delle entrate di competenza degli Enti Locali, la normativa nazionale si presenta, allo stato dell’arte, estremamente frammentata, e pertanto, al fine di un’organica esposizione della materia oggetto del presente lavoro, è necessario operare una preliminare ricognizione delle disposizioni applicabili.

L’art. 7, comma 2, lett. gg-quater), del Dl. n. 70/11, prevede che l’Ente, al fine della riscossione delle entrate di propria competenza, anche tributarie, utilizza lo strumento dell’ingiunzione fiscale di cui al Rd. n. 639/1910, nonché le disposizioni di cui al Titolo II, del Dpr. n. 602/73, in quanto compatibili (cd.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login[1] per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.
Endnotes:
  1. Login: https://www.entilocali-online.it/wp-login.php?redirect_to=https://www.entilocali-online.it/riscossione-coattiva-legittimita-degli-atti-emessi-dai-funzionari-non-abilitati-alle-funzioni-di-ufficiali/

Source URL: https://www.entilocali-online.it/riscossione-coattiva-legittimita-degli-atti-emessi-dai-funzionari-non-abilitati-alle-funzioni-di-ufficiali/