Riscossione: il concessionario del servizio non è abilitato alla difesa diretta tramite i suoi dipendenti davanti al Giudice tributario

Riscossione: il concessionario del servizio non è abilitato alla difesa diretta tramite i suoi dipendenti davanti al Giudice tributario

Nella Sentenza Corte di Cassazione 15 aprile 2015, n. 7554, i Giudici affermano che, in tema di riscossione dei tributi, l’art. 3, del Dl. n. 203/05, convertito con modificazioni in Legge n. 248/05, nell’attribuire la funzione di riscossione nazionale all’Agenzia delle Entrate, che la esercita tramite Equitalia Spa, non ha causato l’estinzione delle anteriori concessionarie del “Servizio di riscossione”; quest’ultime, essendo state parti nel presente giudizio di primo grado, risultano avere interesse all’impugnazione e conservano la legittimazione processuale ai sensi della art. 111 del Cpc., con eventuale legittimazione concorrente e non sostitutiva del successore a titolo particolare.

Infatti, il trasferimento

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Centrali uniche di committenza: Note Anci e scheda di sintesi per i Comuni

Sono disponibili sul sito istituzionale dell’Anci, in allegato al Comunicato 20 ottobre 2014, le Note di lettura di due Dpcm.

Commissione giudicatrice: non può farne parte chi ha materialmente predisposto gli atti di gara

Consiglio di Stato, Sentenza n. 5645 del 7 luglio 2022 Nella Sentenza in epigrafe indicata, i Giudici rilevano che le

Ici: è dovuta per le aree c.d. “scoperte” che risultino indispensabili al Concessionario del bene demaniale per lo svolgimento della sua attività

Nell’Ordinanza n. 7771 del 9 aprile 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di