Rottamazione della cartella: Regolamento comunale dopo la Sentenza

Rottamazione della cartella: Regolamento comunale dopo la Sentenza

Nella Sentenza n. 448 del 24 luglio 2018 della Ctp Modena, la questione controversa riguarda la rottamazione delle liti fiscali pendenti.

I Giudici rilevano che l’art. 11 del Dl. n. 50/2017, disciplinava la “definizione agevolata” delle controversie tributarie, ovvero nel dettaglio:

– al comma 1 faceva riferimento alle controversie in cui era solo parte l’Agenzia delle Entrate, prevedendo che potevano essere definite con presentazione di domanda entro il 20 settembre 2017;

– al comma 9 precisava che per le controversie definibili i termini di impugnazione sono sospesi.

Il Legislatore, in sede di conversione del Decreto, con la Legge n. 96/2017 entrata in vigore il 24 giugno 2017, ha introdotto, all’art. 11, il comma 1-bis, prevedendo anche per i Comuni la facoltà di definire le liti pendenti, previa adozione di apposito Regolamento comunale.

Nel caso di specie, il Regolamento è stato approvato dal Comune in questione il 31 luglio 2017 e pertanto le liti definibili erano quelle pendenti a tale data. Di conseguenza, essendo stata la controversia in esame riguardante Tributi locali definita con Sentenza passata in giudicato il 18 maggio 2017, cioè prima del 24 giugno 2017, e soprattutto, prima del 31 luglio 2017, non può essere considerata lite definibile.

La “definizione agevolata” avrebbe potuto riguardare solo le liti fiscali pendenti a quella data. In conclusione, non si può aderire alla definizione agevolata della lite fiscale se la Sentenza è già passata in giudicato alla data di approvazione del Regolamento comunale.


Related Articles

Tari: tariffe valide se approvate entro il termine ultimo assegnato dal Prefetto per l’adozione del bilancio di previsione

Nella Sentenza n. 240 del 20 febbraio 2018 del Tar Puglia, la questione controversa riguarda la validità o meno della

Aree fabbricabili in comproprietà tra coltivatore diretto e soggetti non esercenti l’attività agricola

Nell’Ordinanza n. 17337 del 3 luglio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un avviso d’accertamento

Tributi locali: differito al 30 gennaio 2017 il termine per la trasmissione dei dati relativi alla correzione degli errati versamenti

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Ministero delle Finanze – Dipartimento delle finanze, la Circolare 21 giugno 2016,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.