Sanzione per utilizzo in compensazione di credito Iva inesistente: non si applica se è già stato recuperato e sanzionato in ambito accertativo

Sanzione per utilizzo in compensazione di credito Iva inesistente: non si applica se è già stato recuperato e sanzionato in ambito accertativo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 36/E dell’8 maggio 2018, ha chiarito che, in caso di utilizzo in compensazione di un credito Iva inesistente, già recuperato in ambito accertativo e sanzionato quale infedele Dichiarazione ed illegittima detrazione ai sensi degli artt. 6, comma 6, e 5, comma 4, del Dlgs. n. 471/97, non deve essere irrogata anche l’ulteriore sanzione di cui all’art. 13 comma 5, del medesimo Decreto, prevista a seguito del successivo utilizzo in compensazione del credito Iva inesistente.

Una diversa soluzione avrebbe infatti l’effetto di punire la medesima violazione:

  • una prima volta, sanzionando la contabilizzazione delle fatture inesistenti e la riduzione del debito d’imposta (o l’indicazione di un maggior credito) ex 5, comma 4, e 6, comma 6, del Dlgs. n. 471/97 (sanzioni tra loro cumulabili in progressione), oltre al recupero del minor credito spettante;
  • una seconda volta, contestando le indebite compensazioni effettuate negli anni successivi, applicando la sanzione di cui all’art. 13, comma 5, del medesimo Decreto, e recuperando il credito utilizzato in compensazione.

Fermo restando quindi il recupero del minor credito nell’ambito della contestazione per infedele dichiarazione, “le compensazioni eseguite negli anni successivi assumono legittimità e non possono essere più contestate ai sensi del citato art. 13, né recuperate”.


Related Articles

Dichiarazione Imu/Tasi: disponibili da oggi le nuove specifiche tecniche

È stato pubblicato sul sito web istituzionale del Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, il Comunicato 20

Personale P.A.: le indicazioni Inps sulle novità normative in materia di congedo di maternità

Con la Circolare n. 69 del 28 aprile 2016, l’Inps ha fornito chiarimenti relativi alle novità introdotte dagli artt. 2,