Scuola: finanziamenti per nidi e infanzia

Scuola: finanziamenti per nidi e infanzia

Con il Comunicato 11 dicembre 2017, il Consiglio dei Ministri ha reso nota l’approvazione in via definitiva del “Piano nazionale pluriennale per la promozione del sistema integrato di istruzione da 0 a 6 anni”. Tra le diverse misure, sono previsti interventi di ristrutturazione edilizia, nuove costruzioni, lavori di restauro, riqualificazione, messa in sicurezza e risparmio energetico di stabili di proprietà delle Amministrazioni locali.

Il “Piano” contiene gli obiettivi strategici del nuovo sistema, tra cui: il 33% di copertura della popolazione sotto i 3 anni di età e la presenza di nidi in almeno il 75% dei Comuni.

In attuazione di quanto previsto dalla ‘Buona Scuola’ (Legge n. 107/15) e dal Dlgs. n. 65/17, il “Piano” definisce, per un triennio, la destinazione delle risorse finanziarie disponibili per il consolidamento, l’ampliamento e la qualificazione del Sistema integrato di educazione e istruzione sulla base di indicatori di evoluzione demografica e di equilibrio territoriale. Inoltre, prevede interventi in materia di ristrutturazione edilizia, gestione dei Servizi educativi per l’infanzia e formazione del personale educativo e docente, al fine di consolidare ed ampliare la rete di tali servizi, agevolando la frequenza su tutto il territorio nazionale e prevedendo altresì l’inclusione di tutte le bambine e di tutti i bambini con disabilità.

Per il primo anno di attuazione sono stati già stanziati Euro 209 milioni (saranno Euro 239 milioni a regime), i cui criteri di riparto hanno avuto il via libera in Conferenza Unificata lo scorso 2 novembre 2017. Acquisito il via libera del Consiglio dei Ministri, i fondi saranno assegnati agli Enti Locali, sulla base della programmazione da parte delle Regioni.


Related Articles

Revisori dei conti: nessuna colpa per le frodi del Dirigente

Nella Sentenza n. 44 del 5 febbraio 2018 della Corte dei conti, Prima Sezione centrale di Appello, la questione controversa

Riscossione: un Comune può iscrivere a ruolo i canoni di locazione non pagati e trasmettere il ruolo ad Equitalia?

Il testo del quesito: “Un Comune può iscrivere a ruolo canoni di locazione non pagati dopo aver notificato una sorta

Affidamenti “in house”: rinviato al 30 novembre 2017 il termine per la domanda di iscrizione all’Elenco delle Amministrazioni aggiudicatrici e degli Enti aggiudicatori

Con il Comunicato del Presidente datato 25 ottobre 2017 ed avente ad oggetto “Precisazioni sull’attivazione dell’Elenco delle Amministrazioni aggiudicatrici e