“Servizi Demografici”: gli adempimenti dei Comuni in vista del Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

“Servizi Demografici”: gli adempimenti dei Comuni in vista del Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

E’ stato pubblicato sulla G:U. n. 167 del 19 luglio 2016 il Dpcm. 12 maggio 2016, in materia di “Censimento della popolazione e archivio nazionale dei numeri civici e delle strade urbane”.

Si richiama l’attenzione dei Comuni sulle disposizioni di cui all’art. 2 che prevedono che, per le esigenze connesse allo svolgimento del Censimento permanente della popolazione, ciascun Amministrazione comunale è tenuta a gestire e aggiornare il Piano topografico e il Piano ecografico con riferimento al territorio di propria competenza e ad assicurarne l’adozione per gli adempimenti di competenza, con particolare riguardo alle funzioni di Anagrafe e di Stato civile.

Tempi e modalità operative per l’aggiornamento dei Piani citati saranno fissati dall’Istat attraverso la pubblicazione di specifiche Istruzioni tecniche. Lo stesso Istat convaliderà la conformità degli aggiornamenti effettuati rispetto a quanto specificato nelle Istruzioni tecniche emanate.

Con riferimento e nell’ambito della formazione del Piano ecografico, i Comuni assegnano a ciascuna area di circolazione una propria distinta denominazione nonché un numero civico progressivo a ciascun accesso ad essa appartenente secondo le direttive tecniche emanate dall’Istat e volte a rendere massima l’identificabilità dell’area di circolazione cui il nome si riferisce e dei numeri civici ad essa appartenenti.

Il successivo art. 4 specifica poi che l’Anncsu (“Archivio nazionale dei numeri civici delle strade urbane”) costituisce, dalla data di attivazione, il riferimento nazionale per gli stradari e indirizzari comunali, fatta salva la normativa vigente in materia di bilinguismo e di uso delle lingue delle minoranze linguistiche riconosciute per i Comuni della Valle d’Aosta e delle Province autonome di Trento e Bolzano.

L’aggiornamento dell’archivio è di competenza dei Comuni, che si possono avvalere della Regione o della Provincia autonoma, quale intermediario infrastrutturale tra il livello centrale e locale, previa sottoscrizione di specifici accordi di servizio tra Regione, Istat, Agenzia delle Entrate e Comuni, per i servizi di cui all’art. 8, comma 2, in particolare per le Regioni che hanno implementato sistemi di interoperabilità tra Sistemi centrali e regionali in ambito catastale.

L’infrastruttura tecnologica dell’Anncsu – stando a quanto stabilito dall’art. 4, comma 2 – dovrebbe essere pronta entro 30 giorni dalla data di pubblicazione in G.U. del Dpcm..

Nei successivi 60 giorni ogni Comune deve comunicare il nominativo e i riferimenti del Responsabile preposto alla tenuta dello stradario e indirizzario comunale, abilitato alle funzionalità di inserimento e di modifica dei dati, utilizzando gli appositi servizi messi a disposizione nell’Anncsu.

Le modalità di conferimento dei dati all’Archivio saranno disciplinate dall’Istat, sentita l’Anci.

A regime poi, i Comuni aggiornano le informazioni contenute nell’Anncsu entro il mese successivo a quello in cui è stato adottato il provvedimento di costituzione di un’area di circolazione ovvero di variazione della specie, denominazione e numerazione civica di una o più aree di circolazione, secondo le modalità stabilite dall’Istat con istruzioni tecniche.


Related Articles

Costituzione di una Società di capitali che abbia quale oggetto sociale la gestione di una Centrale idroelettrica

  Nella Delibera n. 201 dell’11 luglio 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere riguardante

Riduzione del “Fondo salario accessorio” in relazione alle cessazioni: va considerato il periodo di effettiva presenza in organico

Nella Delibera n. 64 del 19 febbraio 2015, della Corte dei conti Puglia, la Sezione si esprime in materia di

Rendiconto 2012: pubblicato l’elenco delle certificazioni mancanti

Con un Comunicato Fl. datato 23 ottobre 2014, il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno ha