Servizi demografici: la Bolivia aderisce alla Convenzione dell’Aja, per i documenti “apostillati” non serve la legalizzazione consolare

Servizi demografici: la Bolivia aderisce alla Convenzione dell’Aja, per i documenti “apostillati” non serve la legalizzazione consolare

Non è più necessario chiedere la legalizzazione consolare di atti pubblici boliviani, già muniti di “apostille”. Ciò in quanto, in applicazione della Legge n. 967/2017, il 7 maggio 2018, per lo Stato plurinazionale della Bolivia è entrata in vigore Convenzione sull’Apostille dell’Aja del 5 ottobre 1961.

A comunicarlo, con la Circolare n. 11 del 3 luglio 2018, è stato il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi demografici, che ha a sua volta recepito le indicazioni veicolate dal Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

Nel Documento di prassi si ricorda che l’art. 3 della citata Convenzione prevede che gli atti c.d. “postillati” non necessitano di ulteriori formalità. I Comuni sono pertanto invitati a non inoltrare richieste di legalizzazione o altro adempimento per atti e documenti boliviani da far valere in Italia.


Related Articles

Riduzioni di spesa: autonomia gestionale e organizzativa riconosciuta ai Comuni dall’ordinamento vigente

Nella Delibera n. 239 del 20 luglio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in

Offerta tecnica priva dei requisiti essenziali fissati nel capitolato: legittima l’esclusione

Nella Delibera n. 334 del 10 aprile 2019 dell’Anac, una Società ha contestato l’esclusione da una gara (affidamento del servizio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.