“Servizi Demografici”: la notifica degli atti ai soggetti “senza fissa dimora”

“Servizi Demografici”: la notifica degli atti ai soggetti “senza fissa dimora”

La normativa anagrafica (Legge n. 1228/54; Dpr. n. 223/89) stabilisce che, per potersi definire “residente” e di conseguenza essere iscritto nel Registro anagrafico, una persona deve possedere il requisito della “dimora abituale” in una porzione dello Stato Italiano denominata “Comune”.

Le stesse regole valgono anche per i cittadini stranieri regolarmente soggiornanti e, in un certo qual modo, anche per i soggetti senza fissa dimora.

Le vigenti disposizioni stabiliscono che, per le persone senza fissa dimora, poiché non è possibile utilizzare il criterio della “dimora abituale”, si deve ricorrere al “domicilio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Compenso Revisori Enti Locali: se il taglio del 10% era stato dettato solo dal Dl. n. 78/2010, per la Corte Toscana può ora essere disapplicato

Nella Delibera n. 76 del 14 novembre 2018 della Corte dei conti Toscana, un Comune ha chiesto un parere avente

Revoca Assessore comunale: il venir meno del rapporto fiduciario con il Sindaco può giustificare ex se il Provvedimento 

Nella Sentenza n. 964 del 30 settembre 2016 del Tar Liguria, un soggetto ha proposto domanda di annullamento del Provvedimento

Ici: determinazione del valore imponibile delle aree edificabili

Nell’Ordinanza n. 12273 del 17 maggio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’impugnazione di 3 avvisi di